mercoledì, Ottobre 5, 2022

Il caso di Hafez Huraini è un perfetto esempio di apartheid israeliano

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Per me la storia di Hafez Huraini è l’incarnazione dell’apartheid israeliano e dei temi che ho trattato per così tanti anni riportando l’attenzione sulla Palestina occupata. È una storia di violenza, ingiustizia, iniquità e desiderio di libertà in un luogo in cui l’oppressione regna sovrana. 

DI YUMNA PATEL  20 SETTEMBRE 2022  

HTTPS://MONDOWEISS.NET/2022/09/THE-CASE-OF-HAFEZ-HURAINI-IS-A-PERFECT-EXAMPLE-OF-ISRAELI-APARTHEID/

È passata una settimana da quando Hafez Huraini è stato arrestato dall’esercito israeliano, dopo essere stato aggredito e brutalizzato da un gruppo di coloni israeliani mentre coltivava la sua terra. 

Ho riflettuto molto sulla storia di Hafez da quando ne ho scritto la scorsa settimana , subito dopo che è stato arrestato e interrogato, solo poche ore dopo che i coloni gli hanno rotto entrambe le mani. 

Per me la storia di Hafez è l’incarnazione dell’apartheid israeliano e dei temi che ho trattato per così tanti anni riportando l’attenzione sulla Palestina occupata. È una storia di violenza, ingiustizia, iniquità e desiderio di libertà in un luogo in cui l’oppressione regna sovrana. 

Mentre parlavo con i figli di Hafez, Mohammad e Sami, che ho incontrato e con cui ho trascorso del tempo  nella loro casa di Masafer Yatta , il senso di imminente rovina, ingiustizia e oppressione era opprimente. 

Ecco dei giovani, nati e cresciuti in un luogo dove sono sempre stati trattati come inferiori da un esercito straniero che occupava la loro terra. Sono cresciuti circondati da posti di blocco e zone di tiro, e hanno trascorso i loro anni formativi osservando il governo israeliano che confiscava la terra del loro villaggio e la consegnava ai coloni israeliani. 

Da adolescenti hanno visto la loro comunità venire tagliata fuori dalle reti elettriche e idriche, le loro case sono state distrutte per mancanza di permessi di costruzione israeliani e i loro vicini sono stati arrestati nel cuore della notte per motivi di “sicurezza”.

Per tutto il tempo i coloni della porta accanto, provenienti da varie parti del mondo, hanno continuato ad espandere il loro insediamento con l’assistenza del governo, ottenendo accesso all’acqua, all’elettricità, alla sicurezza e alla libertà di movimento lungo il percorso. 

Quando sono diventati adulti e hanno iniziato il proprio attivismo, si sono trovati di nuovo di fronte a cosa significasse essere un palestinese che vive sotto l’occupazione israeliana. Hanno dovuto affrontare arresti, minacce e interrogatori, per cose semplici come alzare una bandiera palestinese o organizzare manifestazioni pacifiche contro la demolizione delle loro case. 

Hanno visto i coloni di Ma’on e Havat Ma’on attaccare la loro famiglia, gli amici e i vicini, sotto l’occhio vigile dell’esercito e della polizia israeliani, senza mai essere puniti, tanto meno arrestati, interrogati e processati in tribunale . 

E così, il 12 settembre, quando Mohammad vide i coloni mascherati e armati avvicinarsi a lui e a suo padre, si preparò al peggio.

Armati di mazze e mazze con punte di metallo alle estremità, insieme agli M16, i coloni iniziarono il loro attacco, lanciandosi contro Hafez e Mohammad. Hafez ha fatto quello che chiunque altro nella sua posizione avrebbe fatto, ha preso la sua pala che stava usando per coltivare la sua terra e l’ha girata verso i coloni armati per respingerli. 

E questo fu il suo unico errore. Ha osato difendersi dai coloni armati e mascherati che gli hanno rotto entrambe le mani durante l’assalto. 

In quanto palestinese, Hafez, i suoi figli e i membri della comunità sapevano che le probabilità erano contro di lui. 

Non importava che ci fossero più testimoni oculari e prove video per corroborare la sua storia, dimostrando che si stava difendendo dall’attacco dei coloni. Non importava che i coloni avessero invaso la sua terra, gli avessero rotto le mani o sparato proiettili veri nella sua direzione. 

Tutto ciò che contava era che fosse un palestinese, e per questo sarebbe stato arrestato, interrogato, imprigionato, processato in un sistema giudiziario militare e accusato di tentato omicidio contro un ebreo israeliano. 

Per tutto il tempo, i coloni che hanno attaccato Hafez – i coloni che sono l’intera ragione per cui sta languendo con due mani rotte all’interno di una prigione israeliana – sono liberi, vivono le loro vite come al solito. 

Nessuno di loro è stato arrestato, interrogato o imprigionato per l’attacco che hanno commesso davanti alla telecamera. Tutto ciò che importava era che fossero ebrei israeliani, e questo garantiva la loro libertà secondo la legge, indipendentemente dal crimine che commettevano. 

Poiché Hafez Huraini è un palestinese ed è nato e cresciuto a Tuwani a Masafer Yatta, è governato dalla legge militare israeliana e da tutte le regole, le restrizioni e l’oppressione che ne derivano. 

Poiché Itamar Cohen, il colono che ha attaccato Hafez ed è stato ferito quando Hafez si è difeso, è un ebreo israeliano, è governato dal diritto civile israeliano, insieme alle centinaia di migliaia di altri coloni ebrei che vivono nella Cisgiordania occupata in insediamenti dichiarati illegali dal diritto internazionale. 

Due persone, che vivono sotto due sistemi diversi, in base alla loro razza ed etnia. È l’apartheid, ed è solo un piccolo frammento di ciò che vediamo ogni giorno in Cisgiordania e nella Palestina occupata. 

Oggi Hafez continua a stare in prigione, dopo che la sua detenzione è stata prorogata per la terza volta lunedì 19 settembre. Le sue accuse sono state ridotte da tentato omicidio a aggressione aggravata, ma è ancora sotto processo in un tribunale militare, un tribunale che è stato descritto da gruppi per i diritti umani come un tribunale canguro, un tribunale con un tasso di reclusione superiore al 99%, che incarcera bambini per aver lanciato pietre e persino imprigiona persone per anni senza pronunciare alcuna accusa. 

I figli di Hafez, che sono stati cresciuti per resistere all’occupazione israeliana e che hanno dedicato la loro giovinezza a difendere i propri diritti e i diritti della loro comunità, sono notevolmente preoccupati per il futuro del padre. 

Sanno che non hanno a che fare con un sistema giusto che giudichi il padre in modo equo, ed è per questo motivo che si appellano alla comunità internazionale per chiedere aiuto e fare pressione sul governo israeliano affinché rilasci il padre. 

Dopotutto, questo è lo stesso governo e sistema che sta tentando di espellere gli Huraini e la loro comunità dalla loro terra, quindi come potrebbero mai aspettarsi che questo sistema li tratti in modo equo?

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria