mercoledì, Ottobre 5, 2022

Documento dei Vescovi in Belgio: Pastoralmente vicini alle persone omosessuali; Per una Chiesa accogliente, che non esclude nessuno

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Da anni la comunità di fede cattolica del nostro Paese, in tutte le sue sezioni, lavora insieme ad altri attori sociali per creare un clima di rispetto, riconoscimento e integrazione. Inoltre, molti di loro sono impegnati in un’associazione ecclesiastica o in un’istituzione cristiana. I vescovi incoraggiano i loro collaboratori a continuare su questa strada. Si sentono sostenuti in questo dall’esortazione apostolica ‘Amoris Laetitia’, che papa Francesco ha scritto dopo il Sinodo dei Vescovi del 2015. Distinguere, orientare e integrare: queste restano le parole chiave più importanti.

Con queste parole, noi come Vescovi del nostro Paese abbiamo pubblicato un comunicato il 17 marzo 2021 sulla relazione pastorale con le persone e le coppie omosessuali. In Amoris laetitia, papa Francesco afferma esplicitamente che ogni essere umano, indipendentemente dal suo orientamento sessuale, deve essere rispettato nella sua dignità e trattato con rispetto (AL 250). Vogliamo continuare su questa strada dando a questa pastorale un carattere più strutturale.

Pastorale e orientamento

L’attenzione pastorale della comunità ecclesiale riguarda anzitutto le stesse persone omosessuali. Vogliamo stargli vicino con lo scopo, a volte complesso, di riconoscere, accettare e vivere il loro orientamento in modo positivo. Alcuni rimangono celibi. Meritano il nostro apprezzamento e supporto. Altri preferiscono vivere in coppia, in un legame duraturo e fedele con un partner. Anche essi meritano anche il nostro apprezzamento e supporto. Perché anche questo rapporto, pur non essendo un matrimonio religioso, può essere fonte di pace e di felicità condivisa per le persone coinvolte.

Le loro famiglie e parenti meritano questa attenzione e guida pastorale, come tutti i figli e le figlie di Dio. Un atteggiamento di comprensione e apprezzamento è di grande importanza. Papa Francesco chiede espressamente di offrire a queste famiglie un rispettoso orientamento pastorale affinché i loro membri possano godere del sostegno necessario per comprendere e compiere pienamente la volontà di Dio nella loro vita (AL 250).

La nostra attenzione deve andare anche alla società in senso più ampio e alla comunità ecclesiale. Nonostante un crescente riconoscimento sociale delle perasone omosessuali, molti rimangono con delle domande aperte. Allo stesso tempo, la violenza omofobica rischia di rialzare la testa. Una migliore comprensione può promuovere una migliore integrazione.

Sostegno strutturale

I vescovi fiamminghi vogliono ancorare in modo strutturalme il loro impegno pastorale verso le persone e le coppie omosessuali. L’équipe del Servizio Interdiocesano per la Pastorale Familiare (IDGP) avrà un collaboratore aggiuntivo che se ne occupi. I vescovi hanno nominato Willy Bombeek per questo compito. Inoltre, ciascuna diocesi nominerà qualcuno che presti la stessa attenzione pastorale nell’ambito della pastorale familiare diocesana. Sarà lui o lei il punto di contatto per quella diocesi. In qualità di coordinatore interdiocesano, Willy Bombeek lavorerà con loro e fornirà loro i mezzi e la guida necessaria.

Pastorale dell’incontro

In questa pastorale il focus è principalmente sull’incontro e il dialogo. I credenti che vivono una relazione omosessuale stabile desiderano rispetto e apprezzamento all’interno della loro comunità di fede. Fa male quando sentono di non appartenere o di essere esclusi da essa. Vogliono essere ascoltati e riconosciuti. Ecco di cosa tratta questa pastorale/approccio: la loro storia dall’incertezza alla crescente chiarezza e accettazione; le loro domande sulle posizioni ecclesiastiche; la loro gioia di avere una relazione stabile; la loro scelta per un rapporto esclusivo e duraturo; la responsabilità di prendersi cura gli uni degli altri e il loro desiderio di essere al servizio della Chiesa e della società.

In questo approccio pastorale c’è spazio per il discernimento spirituale, per la crescita interiore e per decisioni coscienziose. Papa Francesco chiede di valorizzare e sostenere la presa di coscienza delle persone, anche in situazioni di vita che non realizzano pienamente l’ideale oggettivo del matrimonio: la coscienza può riconoscere in modo serio e onesto quella che oggi è la risposta generosa che si può dare a Dio e vede con una certa sicurezza che questa risposta è il dono di sé che Dio esige in mezzo alla complessità, anche se non si è raggiunto il pieno ideale (AL 303).

L’incontro con un operatore pastorale o un consigliere è un collegamento importante per l’integrazione delle persone o delle coppie omosessuali nella comunità cristiana. Su questa integrazione scrive papa Francesco: Si tratta di integrare tutti, aiutandoli a trovare il proprio modo di essere, come parte della comunità ecclesiale, perché siano toccati personalmente dalla misericordia che è sempre ‘immeritata, incondizionata e gratuita’. Nessuno dovrebbe essere condannato per sempre, perché quella non è la via del Vangelo! Non mi rivolgo solo ai divorziati e alle persone con nuove relazioni, ma a tutti, in qualunque situazione si trovino (AL 297).

Preghiera per amore e fedeltà

Durante gli incontri pastorali viene spesso posta la domanda sull’oppurtunità di un momento di preghiera per chiedere a Dio che benedica e perpetui questo impegno di amore e di fedeltà.

È meglio che le persone coinvolte discutano quale contenuto e forma può assumere questa preghiera con un responsabile pastorale. Tale momento di preghiera può avvenire in tutta semplicità. Inoltre, la differenza deve rimanere chiara con ciò che la Chiesa intende per matrimonio sacramentale.

Questo momento di preghiera può, ad esempio, procedere come segue.

Saluto di apertura

Preghiera di apertura

Lettura della Scrittura

Impegno di entrambe le parti coinvolte. Insieme esprimono davanti a Dio come si impegnano gli uni verso gli altri. Per esempio:

Dio dell’amore e della fedeltà, oggi siamo davanti a te circondati da familiari e amici.

Vi ringraziamo per averci permesso di ritrovarci.

Vogliamo esserci l’uno per l’altro

in ogni circostanza della vita.

Con la presente esprimiamo con fiducia

che vogliamo lavorare sulla reciproca felicità, giorno dopo giorno.

Preghiamo: dacci la forza di essere fedeli gli uni agli altri e di approfondire il nostro impegno.

Confidiamo nella tua vicinanza, vogliamo vivere della tua Parola, donataci l’un l’altro per sempre.

Preghiera comunitaria. La comunità prega affinché la grazia di Dio operi in loro per prendersi cura gli uni degli altri e della comunità più ampia in cui vivono. Per esempio:

Dio e Padre,

oggi circondiamo N. e N. con le nostre preghiere.

Conosci i loro cuori e il percorso che intraprenderanno insieme d’ora in poi.

Rendi forte e fedele il loro impegno reciproco. Lascia che le loro case siano piene di comprensione, tolleranza e cura.

Ci sia spazio per la riconciliazione e la pace.

Lascia che l’amore che condividono porti loro gioia e li serva nella nostra comunità.

Dacci la forza di camminare con loro, insieme sulle orme di tuo Figlio e fortificati dal tuo Spirito.

Intercessione

Padre Nostro

Preghiera di chiusura

Benedizione

Bruxelles, 20 settembre 2022

I vescovi fiamminghi

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria