Free Porn
lunedì, Maggio 27, 2024

Uno sputo in faccia: gli incidenti anti-cristiani a Gerusalemme diffondono l’epidemia della supremazia ebraica (Haaretz)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Un breve video girato domenica documenta il seguente evento: un gruppo di pellegrini cristiani parte da una chiesa sulla Via Dolorosa nella Città Vecchia di Gerusalemme, alcuni di loro portano una grande croce di legno. Incontrano alcune dozzine di uomini e ragazzi ebrei, alcuni indossano scialli da preghiera e portano il lulav e l’etrog per la festa di Sukkot. Nel giro di pochi secondi gli ebrei cominciano a sputare per terra in direzione dei pellegrini: prima gli uomini, poi i ragazzi, che li imitano. Verso la fine del video, si vede un ufficiale della pattuglia di frontiera scortare il gruppo di ebrei, senza fare nulla per fermarli.

Il video ha suscitato indignazione e condanna in tutto il mondo e ha scioccato molti israeliani. Ma c’era anche chi giustificava gli sputatori. Uno di questi è Elisha Yered, attivista di estrema destra e portavoce del deputato Limor Son Har-Melech, del partito Sionismo religioso . Secondo Yered, sputare contro i cristiani è una “antica usanza ebraica” – un’affermazione che ha trovato sostegno negli insegnamenti del rabbino Abraham Isaac Kook, uno dei padri del sionismo religioso.

Questo evento non era insolito. Ogni giorno i pellegrini cristiani e i membri del clero rischiano di essere sputati per le strade della Città Vecchia. A ciò si aggiungono le aggressioni, le imprecazioni, le umiliazioni e gli atti vandalici subiti dai cristiani e dalle loro istituzioni. I sacerdoti ci pensano due volte prima di indossare i paramenti liturgici e riconsiderano i percorsi pedonali per evitare strade problematiche. Frustrate dagli insulti ricevuti dai visitatori cristiani e dai leader della chiesa, le guide turistiche hanno ripetutamente allertato la polizia israeliana e il governo. La polizia di Gerusalemme, dal canto suo, spiega che il fenomeno è difficile da combattere perché sputare per terra non è un reato penale.

Anche se gli sputi non sono una novità – gli adolescenti religiosi lo praticano a Gerusalemme da molti anni – le comunità cristiane della città concordano sul fatto che la sua frequenza è aumentata notevolmente nell’ultimo anno. Gli sputatori ritengono di avere il sostegno del governo estremista israeliano, in particolare del ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir“Alcuni di questi movimenti possono sentirsi non sostenuti, ma almeno protetti”, ha detto recentemente il Patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa. Pizzaballa è stato consacrato cardinale nella Chiesa cattolica il 30 settembre.

Tra coloro che hanno condannato gli attacchi c’erano il primo ministro Benjamin Netanyahu e il rabbino capo ashkenazita David Lau. Ma la condanna non risolve i problemi. Per salvare quel poco di integrità che ancora rimane all’ebraismo e alla società israeliana, tutte le autorità devono dare priorità allo sradicamento di questo fenomeno, agendo per imporlo nelle strade. Questa pratica è ancora un altro sintomo dell’epidemia della supremazia ebraica L’attuale leadership di Israele continua ad alimentare questo atteggiamento, motivo per cui abbiamo l’obbligo di fare tutto il possibile per sostituire il governo.

L’articolo di cui sopra è l’editoriale principale di Haaretz, pubblicato sui giornali ebraici e inglesi in Israele

Per vedere il video:

http://www.bocchescucite.org/uno-sputo-in-faccia-gli-incidenti-anti-cristiani-a-gerusalemme-diffondono-lepidemia-della-supremazia-ebraica/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria