venerdì, Febbraio 23, 2024

L’India sta diventando un’impresa indù-fascista (Arundhati Roy)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

La pratica di demolire case e attività commerciali musulmane per ragioni puramente punitive è la prova che l’India sta passando piuttosto sfacciatamente a un’impresa criminale indù-fascista”, afferma l’autrice Arundhati Roy.

Negli ultimi mesi, le autorità degli stati indiani governati dal Bharatiya Janata Party (BJP) del primo ministro Narendra Modi hanno iniziato a demolire le case, i negozi e i luoghi di lavoro che appartengono a musulmani semplicemente sospettati di partecipare alle proteste antigovernative. I primi ministri di questi stati hanno sfoggiato con orgoglio questa politica nelle loro campagne elettorali.

A mio avviso, questo segna il momento in cui una democrazia fragile e profondamente imperfetta si è trasformata – apertamente e sfacciatamente – in un’impresa criminale indù-fascista con un enorme sostegno popolare. Ora sembra che siamo governati da gangster travestiti da divinità indù. Nel loro programma, i musulmani sono il nemico pubblico numero uno.

In passato, i musulmani sono stati puniti con pogrom, linciaggi, omicidi mirati, finti “incontri” con la polizia e incarcerazioni con falsi pretesti. Demolire le loro case e le loro attività commerciali è solo una nuova – e molto efficace – arma aggiunta a questa tremenda lista.

Nei modi in cui questo fenomeno viene riportato e scritto, il bulldozer è stato investito di una sorta di potere divino e vendicativo. Questa macchina minacciosa con il suo enorme artiglio di metallo che viene utilizzato per “schiacciare il nemico”, viene raffigurata come una versione meccanica, a fumetti, di un mitico Dio che uccide i demoni. 

È diventato il “talismano” della nuova nazione indù vendicatrice. 

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha posato accanto a uno di loro durante la sua recente visita in India: è difficile credere che non sapesse esattamente cosa stava facendo e chi stava sostenendo. Altrimenti perché un capo di stato farebbe qualcosa di così bizzarro come posare con un bulldozer durante una visita di stato?

Da parte loro, le autorità governative insistono nel dire che non stanno prendendo di mira i musulmani e stanno semplicemente demolendo le proprietà costruite illegalmente. (…) Le autorità e la maggior parte degli indiani sanno che la le costruzioni in ogni città e paese indiano sono, in larga parte, illegali o semi-legali.

Demolire le case e le imprese musulmane per ragioni puramente punitive senza preavviso, senza possibilità di appello o di udienza, permette di ottenere diversi risultati contemporaneamente.

Prima dell’era dei bulldozer, la punizione per i musulmani veniva inflitta da gruppi di vigilanti e dalla polizia, che partecipavano alle missioni punitive o sceglievano di distogliere lo sguardo. La demolizione delle proprietà, però, coinvolge non solo la polizia, ma anche le autorità municipali, i media – che devono essere presenti per amplificare e trasmettere lo spettacolo dell’uccisione dei “demoni” – e i tribunali che devono distogliere lo sguardo e non intervenire. Ha lo scopo di far giungere ad ogni musulmano un messaggio chiaro: “Sei da solo. Per te nessun aiuto arriverà. Non hai una corte d’appello. Ogni istituzione che faceva parte dei controlli e degli equilibri di questa vecchia democrazia è ora un’arma che può essere usata contro di te”.

Le proprietà dei manifestanti antigovernativi di altre comunità non vengono quasi mai prese di mira in questo modo.

Il 16 giugno, ad esempio, decine di migliaia di giovani infuriati con la nuova politica di reclutamento militare del governo del BJP si sono scatenati violentemente in tutto il nord dell’India. Hanno bruciato treni e veicoli, bloccato le strade e in una città hanno bruciato anche l’ufficio del BJP. Ma la maggior parte di loro non è musulmana. Quindi le loro case e le loro famiglie rimarranno al sicuro.

Nelle due elezioni generali del 2014 e del 2019, il BJP ha dimostrato in modo convincente che non ha bisogno del voto dei 200 milioni di musulmani indiani per ottenere la maggioranza in Parlamento alle elezioni nazionali. Quindi, in effetti, siamo di fronte ad una sorta di privazione dei diritti civili. Ciò ha conseguenze pericolose. Perché una volta che sei stato privato dei diritti civili, non hai più importanza. Diventi irrilevante. Puoi essere usato e abusato. Questo è ciò a cui stiamo assistendo ora.

Anche dopo che funzionari di alto rango  del BJP hanno pubblicamente insultato tutto ciò che i musulmani ritengono più sacro, il partito non ha perso il sostegno, né ha ricevuto critiche significative da parte della sua base di sostegno principale.

Ci sono state proteste significative da parte dei musulmani in risposta a questi insulti. Le proteste erano comprensibili, perché l’incidente è avvenuto sulla scia di tanta violenza e brutalizzazione. Solo che, come inevitabilmente accade, alcuni manifestanti hanno chiesto una legge sulla blasfemia, che il BJP probabilmente sarebbe più che felice di approvare, perché in tal caso quasi tutti i commenti sul nazionalismo indù potrebbero essere criminalizzati ai sensi di quella legge. 

Di fatto metterebbe a tacere tutte le critiche e bloccherebbe tutti i commenti intelligenti sull’abisso politico e ideologico in cui l’India sta cadendo. (…).

Arundhati Roy, autrice ed attivista politica

Al-Jazeera, 17 Jun 2022

(liberamente tradotto da don Paolo Zambaldi)

Articolo completo:

India is becoming a Hindu-fascist enterprise | Opinions | Al Jazeera

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria