giovedì, Settembre 21, 2023

Tutti i pronostici sbagliati, dall’ “aggressione” NATO a Kherson (A. Orsini)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

I principali media italiani hanno diffuso grandi menzogne all’inizio della guerra, smentite con il tempo.

Una prima menzogna, che a febbraio aveva gioco facile, è che la NATO non abbia mai fatto alcun tentativo di assorbire l’Ucraina. Ho presentato la documentazione della stessa NATO contro questa versione propagandistica dei fatti nel mio libro Ucraina. Critica della politica internazionale (PaperFirst) e in vari interventi. Per citare un solo documento, la NATO ha svolto un meeting a Bruxelles, il 14 giugno 2021, il cui atto conclusivo consta di 79 paragrafi. Al paragrafo numero 69, quando le tensioni con la Russia erano già altissime, la NATO scriveva che l’Ucraina sarebbe diventata suo membro e ribadiva le decisioni prese nel summit di Bucarest dell’aprile 2008 con cui aveva aperto le porte a Ucraina e Georgia scatenando una crisi gravissima con Mosca sfociata nella guerra tra Russia e Georgia dell’agosto 2008. A Piazza Pulita, il 10 marzo 2022, fui il primo a parlare delle esercitazioni militari che la NATO aveva svolto in Ucraina nel giugno, luglio e settembre 2021. I media dominanti non ne avevano mai parlato. Oggi nessuno ha l’impudenza di dire che la NATO non ha mai cercato di inglobare l’Ucraina tra il 2014 e il 2022. Far circolare queste notizie è stato faticoso, ma siamo riusciti nell’impresa.

Una seconda menzogna, profusa dai media dominanti a inizio guerra, è che la Russia ha invaso l’Ucraina come prima mossa per invadere altri Paesi europei. Abbiamo smentito anche questa narrazione propagandistica dei fatti in cui nessuno crede più: una versione sostenuta tenacemente da alcuni dei più noti giornalisti mainstream e da tanti ricercatori di politica internazionale collegati al governo Draghi. Ricordo ancora le loro voci fanatizzate durante i miei contraddittori alla tv: “Putin invade l’Ucraina come prima tappa per invadere l’Europa: guerra all’ultimo sangue!”. I media dominanti non hanno mai chiesto conto a questi personaggi televisivi delle loro assurde affermazioni perché sono collegati tra di loro da rapporti di amicizia e di potere.

Per noi che difendiamo la società libera, la domanda è doverosa: “Quant’è libera una società in cui i media dominanti torchiano soltanto le voci del dissenso sulla guerra mentre sorvolano su tutte le analisi assurde degli analisti pro-guerra?”. Una delle mie tesi è che non tutte le società libere siano libere allo stesso modo. Così come esistono dittature più brutali di altre, allo stesso modo esistono democrazie meno democratiche di altre.

Prendiamo un altro esempio tra i massimi generali italiani, Vincenzo Camporini, già Capo di Stato Maggiore. Durante una diretta a Radio Rai del 14 febbraio, dieci giorni prima dell’invasione, Camporini si diceva certo che la Russia non avrebbe invaso. Nella stessa diretta, sostenevo il contrario. Dopo l’errore clamoroso, Camporini, candidato da Carlo Calenda, è diventato analista del Corriere della Sera. Vogliamo bene a Camporini, persona degna di stima. Ricordo questi fatti per difendere la società libera.

In un articolo contro di me su Repubblica, “Alessandro Orsini e gli altri: scegliere a chi credere”, Concita De Gregorio ha esortato la Rai a non invitarmi più a Carta Bianca perché, a suo dire, avevo sbagliato previsione su Kherson che, invece, trova conferma ogni giorno: Kherson è in macerie. Se applicassimo il criterio autoritario di De Gregorio del tipo: “Chi sbaglia previsione non va più in televisione”, non rimarrebbe quasi più nessuno ad aprir bocca. Persino De Gregorio dovrebbe sparire dallo schermo (e noi, che siamo per il confronto fra idee diverse, non glielo auguriamo).

Di Alessandro Orsini – 20 dicembre 2022

Fonte: https://infosannio.com/…/tutti-i-pronostici-sbagliati…/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria