sabato, Febbraio 4, 2023

Le persone transgender appartengono al cuore di questa Chiesa (James Martin SJ)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Attenzione alle restrizioni. Emanare regolamenti restrittivi oggi, per una intera diocesi, o addirittura per un intero Paese o la Chiesa universale, nega a chi è coinvolto nella cura delle persone transgender (vescovi, sacerdoti, responsabili della pastorale, educatori e genitori) di poter fare uso degli ultimi dati scientifici, medici e psicologici in materia, che quasi ogni settimana vengono aggiornati. Afferma suor Luisa, che è forse la persona cattolica in questo Paese con la maggiore esperienza nella cura pastorale delle persone transgender: “La Conferenza Episcopale Statunitense non dovrebbe emanare regolamenti restrittivi che valgano per tutte le istituzioni cattoliche”.

Anche con le migliori intenzioni, i tentativi di regolamentazione di una condizione medica ancora sotto studio scolpirà nella pietra delle risposte fuorvianti, mentre qui la Chiesa ha essenzialmente da imparare. La chiave è il discernimento: considerare le varie situazioni individualmente; riflettere sulle opinioni scientifiche, mediche e psicologiche; chiedere in preghiera cosa sia meglio per quella persona e per la parrocchia o la scuola; poi, decidere. Le dichiarazioni vincolanti basate su vecchie categorie biologiche, su passi biblici che certo non potevano prevedere la realtà odierna, e su categorie teologiche incapaci di comprendere l’esperienza umana di un gruppo di persone che da poco vive alla luce del sole, impedirebbe a chi deve prendere le decisioni appropriate (comprese le famiglie) di prenderle in maniera informata e compassionevole, sempre guardando agli ultimi dati disponibili.

Difendere. Le persone transgender sono uno dei gruppi più emarginati della società, e sicuramente quello più emarginato in assoluto nella Chiesa attuale. Come ho accennato, sono a forte rischio di maltrattamenti, di pestaggi, di suicidio e di autolesionismo. Gran parte della società occidentale sta venendo incontro a gay e lesbiche, ma la maggior parte delle porte è chiusa per le persone transgender. Per come la vedo io, gran parte del mondo le tratta come trattava le persone omosessuali cinquant’anni fa: con un misto di confusione, di rifiuto e di disgusto.

È quindi importante che la Chiesa prenda chiaramente le parti di questo gruppo che si trova “nelle periferie”, come dice papa Francesco, non giudicandolo, bensì difendendolo. È una minoranza a rischio che ha bisogno del nostro sostegno e accompagnamento, non di giudizi e condanne. Durante il suo ministero pubblico Gesù si è sempre schierato con i più emarginati, i più vulnerabili e i più rifiutati, ed esistono pochi gruppi più emarginati, vulnerabili e rifiutati della comunità transgender.

“Il cuore di questa Chiesa”

Un buon modo per terminare è riportare le parole dell’arcivescovo di Washington, cardinale Wilton Gregory, rivolte a una persona transgender nel 2019.

Rory, una transgender cattolica che fa parte [del gruppo LGBT cattolico] Dignity/Washington, chiese all’arcivescovo “Qual è il mio posto di donna transgender cattolica cresimata, e quale il posto dei miei amici e amiche queer nella sua arcidiocesi?”.

Monsignor Gregory rispose: “Voi appartenete al cuore di questa Chiesa. Nulla che possiate fare o dire vi strapperà via dal cuore di questa Chiesa. Molto è stato detto a voi e su di voi, alle vostre spalle, parole dolorose e peccaminose. […]
Dobbiamo trovare il modo di parlarci, e non da un unico punto di vista, ma parlarci e ascoltarci a vicenda. Secondo me, è questo il modo in cui Gesù ha svolto il suo ministero: chiedeva alla gente un impegno, andava a prenderla lì dov’era e la invitava ad andare più in profondità, ad arrivare più vicina a Dio. Se mi chiedete qual è il vostro posto, il vostro posto è in famiglia”.

Articolo di padre James Martin SJ* pubblicato sul sito LGBTQ cattolico Outreach (Stati Uniti) il 17 maggio 2022, liberamente tradotto da Giacomo Tessaro

* Il gesuita americano James Martin è editorialista del settimanale cattolico America ed autore del libro “Un ponte da costruire. Una relazione nuova tra Chiesa e persone Lgbt” (Editore Marcianum, 2018). Padre James ha portato un contributo sull’accoglienza delle persone LGBT nella Chiesa Cattolica all’Incontro Mondiale delle Famiglie Cattoliche di Dublino e ha portato una sua riflessione anche al 5° Forum dei cristiani LGBT italiani (Albano Laziale, 5-7 ottobre 2018).

Testo originale: The church and the transgender person

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria