giovedì, Agosto 18, 2022

La crisi alimentare di Gaza si aggrava mentre la guerra in Ucraina colpisce duramente l’economia (Middle East Eye)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

A Gaza, già devastata dalle guerre e dall’assedio israeliano, i prezzi dei prodotti di base come pane, carne e uova sono saliti alle stelle dopo il conflitto tra Russia e Ucraina .

“Vedi questa pagnotta?” ha chiesto Abu Ahmed al-Madhoun mentre tiene in mano del pane nel panificio Alailat, nel quartiere di al-Nasr, a nord-ovest di Gaza City.

“Qualche mese fa era grande il doppio di questo. Oggi non solo è più piccolo, ma è anche più costoso”, ha dichiarato costernato il padre palestinese di cinque figli a Middle East Eye.

Madhoun non è il solo a lottare per trovare cibo a prezzi accessibili nella Striscia di Gaza assediata.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, i palestinesi dell’enclave costiera stanno affrontando una crescente crisi alimentare.

Le più colpite sono quelle famiglie povere che potevano a malapena permettersi i loro bisogni primari anche prima che l’impatto del conflitto le raggiungesse.

L’economia di Gaza era già stata devastata dal blocco di 15 anni guidato da Israele, che ha avuto un impatto massiccio sul potere d’acquisto dei residenti, e i recenti aumenti dei prezzi non faranno che peggiorare la situazione.

Prezzi del pane in aumento

Ad aprile, Oxfam ha avvertito che le riserve di farina di grano nei territori palestinesi potrebbero esaurirsi entro tre settimane, aggiungendo che il costo del grano è aumentato del 25%.

“Molte famiglie mangiano meno e prodotti alimentari di qualità inferiore. Le famiglie stanno tagliando gli alimenti più costosi come la frutta, la carne e il pollo, necessari per una dieta sana”, ha dichiarato Oxfam in un comunicato.

Madhoun, che lavora come cameriere e riceve uno stipendio di 1.000 Shekel (290 dollari) al mese, ha sentito in prima persona l’impatto dell’aumento dei prezzi.

“Un pacchetto di pane mi costava sette Shekel (2 dollari) e durava circa quattro giorni. Ora costa otto Shekel e dura solo due giorni”, ha detto il 46enne.

La guerra tra Russia e Ucraina ha colpito anche altri generi alimentari.

Secondo il Programma alimentare mondiale (PAM), nei territori palestinesi la farina di grano è aumentata del 23,6%, l’olio di mais del 26,3%, le lenticchie del 17,6% e il sale da cucina del 30%.

Il 15 maggio, il Ministero dell’Economia della Striscia di Gaza, gestito da Hamas, ha annunciato un aumento dei prezzi della farina e del pane a causa dell’aumento “senza precedenti” del costo del grano e della mancata inclusione di Gaza nell’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto (IVA) per il grano da parte del Ministero delle Finanze di Ramallah, gestito dall’Autorità Palestinese.

Il ministro palestinese dell’Economia nazionale a Ramallah, Khaled al-Assili, ha negato le affermazioni, spiegando che la decisione del Ministero delle Finanze include gli importatori palestinesi sia nella Cisgiordania occupata che nella Striscia di Gaza.

“Questa decisione stabilisce che ciò che è stato raccolto dagli importatori registrati di grano e farina sarà restituito loro dopo tre mesi, secondo la decisione annunciata alla fine di marzo, e non sono ancora passati tre mesi da quando la decisione è stata emessa”, ha dichiarato al quotidiano al-Ayyam di Ramallah.

Imprese paralizzate

Abduldayed Awwad, direttore della al-Salam Mills Company, ha dichiarato a MEE che la sua azienda ha presentato una richiesta di esenzione fiscale al Ministero delle Finanze di Ramallah e sta ancora aspettando una risposta.

“Siamo stati ampiamente colpiti dall’aumento dei prezzi. Finora abbiamo licenziato circa il 50% dei nostri operai e dipendenti perché non siamo riusciti a pagare i loro stipendi mensili”, ha dichiarato.

“I nostri mulini lavorano attualmente a circa il 5-10% della loro capacità, e negli ultimi tre mesi non siamo riusciti a vendere i nostri prodotti perché il mercato ora si affida al grano egiziano, che è esente da imposte sul valore aggiunto ed è quindi più economico del grano palestinese”.

Awwad ha aggiunto che il prezzo di una tonnellata di farina è salito da 360 a 550 dollari dallo scoppio della guerra in Ucraina.

Ma anche prima che la Russia invadesse l’Ucraina, le imprese di Gaza si sentivano già devastate dall’effetto strangolante del blocco e stavano lottando per riprendersi dall’impatto dell’attacco di 11 giorni di Israele alla Striscia di Gaza nel maggio 2021.

A seguito dell’attacco militare, circa 1.500 stabilimenti economici sono stati distrutti o danneggiati, con perdite e danni totali pari a 479 milioni di dollari.

Non possiamo farne a meno

La crisi ha colpito anche i prezzi della carne, delle uova e del pollo, rendendo gran parte della popolazione di Gaza incapace di permetterseli.

“Negli ultimi due mesi, i prezzi del pollo hanno raggiunto circa 17 Shekel (5 dollari) al chilogrammo, invece di soli 11 (3,2 dollari)”, ha dichiarato a MEE Ahmed Shaer, 40 anni, residente nel campo profughi di al-Shati, a ovest di Gaza.

“Durante questo periodo, personalmente non potevo permettermi di comprare il pollo per la mia famiglia, così siamo diventati vegetariani per qualche tempo”, ha aggiunto il falegname ridendo.

Il costo del pollo è stato spinto al rialzo dall’aumento del prezzo del foraggio, ricavato dal grano.

All’inizio del 2022, il 64% degli abitanti della Striscia di Gaza soffriva di insicurezza alimentare, rispetto al 9% della Cisgiordania, secondo i dati del PAM.

“Prima della crisi, compravo un pollo a settimana per la mia famiglia di sei persone. Ora compro un pollo ogni dieci giorni”, ha detto Shaer.

Il tasso di disoccupazione a Gaza è di circa il 50,2% e più della metà della popolazione vive in povertà.

Mentre il conflitto in Ucraina si trascina verso il quarto mese, la crisi economica che ha causato a Gaza sembra non avere fine.

Ma una soluzione deve essere trovata rapidamente, avverte Madhoun.

“Il pane è l’elemento principale di ogni pasto nella comunità palestinese. Non possiamo fare a meno del pane”, ha detto.

“Non importa quanto il suo prezzo aumenti, dobbiamo trovare un modo per permettercelo”.

Articolo pubblicato originariamente su Middle East Eye e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

http://www.bocchescucite.org/la-crisi-alimentare-di-gaza-si-aggrava-mentre-la-guerra-in-ucraina-colpisce-duramente-leconomia-bloccata/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria