mercoledì, Agosto 10, 2022

Maria 2.0 invia 20.000 cartoline a Papa Francesco

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

-Il movimento per la riforma della Chiesa cattolica Maria 2.0 invierà a papa Francesco circa 20.000 cartoline nella prima settimana di novembre.

-Questo ha lo scopo di attirare l’attenzione sul dissenso esistente nella Chiesa.

-Inoltre, Maria 2.0 invita le donne a partecipare al Sinodo mondiale per coinvolgerle nell’ordinazione e nel ministero.

Il movimento Maria 2.0 invierà a papa Francesco circa 20.000 cartoline nella prima settimana di novembre. Questo gesto ha lo scopo di attirare l’attenzione sulle richieste di cambiamento operanti nella Chiesa, hanno affermato mercoledì i rappresentanti del movimento ad Amburgo ed Essen.

La cartolina è stato progettata ad hoc dal gruppo Maria 2.0 di Amburgo. L’idea è stata accolta con entusiasmo dai sostenitori dell’iniziativa in tutta la Germania, tanto che le cartoline per Roma vengono ora inviate da molte località della Germania. Il prpulsore è stato il sinodo mondiale lanciato dal Papa.

Maria 2.0: Sciogliere il silenzio clericale !

La cartolina riporta il testo: “Non so per quanto tempo potrò e continuerò a fare parte di questa Chiesa!” Francesco è chiamato a porre fine alle cause sistemiche della violenza sessuale nella Chiesa cattolica, a sciogliere le “associazioni clericali chiuse”, a consentire alle donne di partecipare alla gestione del potere nella Chiesa e all’ordinazione.

L’iniziativa chiede che “proprio questi problemi vengano affrontati nel sinodo globale e che le donne siano incluse in questo processo affinché la Chiesa cattolica, soprattutto qui in Germania, possa sopravvivere”.

Le origini sono a Münster

Il movimento Maria 2.0 è stato lanciato nel 2019 dai cattolici di Münster. Da allora, ha ripetutamente attirato l’attenzione a livello nazionale attraverso campagne di protesta regionali e sovraregionali.

Papa Francesco ha aperto a Roma il sinodo mondiale che aveva indetto il 9 ottobre. Nel processo di dialogo a più fasi, inizialmente previsto per ben due anni, la Chiesa dovrebbe innanzitutto praticare un diverso stile di interazione. A tal fine, dovrebbero essere ascoltati i cattolici di tutte le diocesi.

https://www.kirche-und-leben.de/artikel/maria-20-schickt-20000-postkarten-an-papst-franziskus

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

Dalla stessa categoria