Free Porn
domenica, Giugno 23, 2024

Gaza, nel disinteresse generale Israele demolisce anche Nuseirat (A. Ferretti)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Mentre il sistema mediatico guarda all’Iran, all’antisemitismo e al caso Scurati, nel mondo reale Gaza viene bombardata quotidianamente, facendo strage di bambini, donne incinte e rifugiati. In preparazione dello sterminio di Rafah è stato demolito il campo profughi di Nuseirat.

Israele demolisce anche Nuseirat

Giovedì 18 aprile l’esercito occupante israeliano si è ritirato dal campo profughi di Nuseirat, nel centro della Striscia, dopo una devastante incursione durata una settimana.

Durante questa settimana l’IDF ha demolito 14 torri (condomini a molti piani) oltre a edifici residenziali e case appartenenti a cittadini, sfollandoli sotto la minaccia di bombardamenti aerei e cannonate di carri armati. In totale, in una sola settimana l’esercito ha distrutto 13.000 unità abitative con artiglieria, bombardamenti aerei e demolizioni controllate

Il sindaco di Nuseirat ha dichiarato alla CNN che l’IDF ha pure distrutto più di 25.000 metri quadrati di strade, oltre a pozzi d’acqua e a generatori che alimentavano le pompe. Inoltre, nel tempo si sono accumulate per strada e vicino ai rifugi circa 20.000 tonnellate di rifiuti di ogni tipo.

Come se non bastasse, l’IDF ha anche sventrato più di tre chilometri di tubature del sistema fognario, generando un disastro sanitario a lungo termine.

In questo video, pubblicato su Youtube da un canale sionista, si vede la demolizione di una delle torri. Vale la pena riportare il delirante commento che accompagna il video: il condominio viene definito come “un torreggiante simbolo del terrore” in quanto sarebbe stato una base operativa di Hamas (come d’altronde, a sentir loro, erano tutte le centinaia di migliaia di case che Israele ha distrutto), la sua demolizione sarebbe nientemeno che “una significativa vittoria nella lotta al terrorismo” e “un punto di svolta nella lotta per la pace e la sicurezza nel Medio Oriente”

Ovviamente, oltre alle case, l’esercito occupante si è anche premurato di ammazzare un cospicuo numero di persone: 75 uccisi, 350 feriti e ben 100 dispersi, probabilmente in massima parte morti sotto le macerie o rapiti.

Molti testimoni hanno anche riportato un dettaglio agghiacciante: sabato e domenica notte l’IDF ha inviato dei quadricotteri che diffondevano grida di dolore di bambini o richieste disperate di aiuto da parte di donne che urlavano “aiutatemi, mio figlio è stato ucciso”, in modo da attirare i palestinesi allo scoperto e sparargli. Almeno sette persone sono state ferite in questo modo.

Nonostante tutto questo, appena l’esercito occupante si è ritirato i civili palestinesi sono subito tornati a Nuseirat. Secondo le stime delle Nazioni Unite, ormai i due terzi delle unità abitative di Gaza sono state distrutte e il genocidio continua.

Alessandro Ferretti, www.kulturjam.it,
22 Aprile 2024

Researcher presso Università degli Studi di Torino. Associate presso CERN

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria