lunedì, Aprile 15, 2024

The Old Oak: un Ken Loach senza più speranza riparte dalle realazioni umane…

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

The Old Oak

Regista: Ken Loach

Genere: Drammatico

Anno: 2023

Paese: Regno UnitoFranciaBelgio

Durata: 113 min

Data di uscita: 29 settembre 2023 (UK)

Distribuzione: Lucky Red

Trama: Le vicende narrate hanno luogo nel 2016. In un’ex località mineraria dell’Inghilterra del nord ormai in declino, “TJ”, il proprietario dell’Old Oak, l’ultimo pub rimasto in città, fatica sempre di più a tenere aperto quello che è ormai uno dei pochi spazi pubblici che restano agli abitanti. Mentre cresce la tensione tra i locali e i rifugiati siriani da poco arrivati in città, TJ fa amicizia con una di loro, Yara. Il film è stato presentato in anteprima il 26 maggio 2023 in concorso al 76º Festival di Cannes.

Commento: Ultima opera del grandissimo Ken Loach, uno degli ultimi registi veramente socialisti e “schierati” (oggi “brutta parola”…), capace di trattare con delicatezza e profondità la cruda realtà del, “felice” e disumano, paradiso del capiralismo sfrenato.

Libero pensatore non inchinato alle mode del momento, come la psicosi Woke e stupidamente inclusivista che ha contagiato il cinema, è rimasto uno dei pochissimi ad allontanarsi dal mainstream. Infatti dinnanzi alla propaganda (subdola, stupida ed onnipresente) che vorrebbe convincerci che gli unici problemi/necessità siano quelli che riguardano il nostro privato e che il grande modello neoliberista “a stelle e strisce” sia, per mandato divino, il miglior mondo possibile; il regista di Nuneaton ci costringe a cambiare prospettiva… a a farlo in modo radicale!

Loach riparte dagli ultimi (inglesi e stranieri), dai piccoli, dai dimenticati, dagli scarti poco glamour della nostra realtà e torna a scommettere come già in tante pellicole su valori oggi “fuori moda” come la solidarietà, l’amicizia, l’empatia, l’importanza delle relazioni sociali positive… con un po’ meno speranza del solito: “When you eat together you stick together”/“Quando si mangia insieme si rimane uniti”.

don Paolo Zambaldi

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria