lunedì, Aprile 15, 2024

Libri scolastici italiani accusati di raccontare la storia ucraina come vuole Putin (A. Marescotti e D. Novara)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Le accuse dell’ambasciatore ucraino appaiono come un’ingerenza. È fondamentale che i docenti italiani siano liberi di condurre le proprie ricerche e di scegliere i libri di testo senza pressioni esterne e che abbiano la libertà di adottare prospettive storiografiche diverse e critiche.

L’intervento dell’ambasciatore ucraino in Italia ha suscitato un acceso dibattito riguardo alla presunta manipolazione della storia dell’Ucraina in alcuni libri di testo scolastici italiani. Tuttavia, è importante considerare questa controversia da una prospettiva che valorizzi la libertà e il pluralismo di opinioni.

Accusare i libri scolastici italiani di raccontare la storia dell’Ucraina secondo le preferenze di Putin è una chiara intromissione nella scuola italiana. È compito dei docenti italiani e non dell’ambasciatore fornire agli studenti una visione equilibrata e accurata della storia, libera da qualsiasi forma di manipolazione politica o ideologica ma anche libera di esprimere un pluralismo storiografico.

In una società democratica, è essenziale che la ricerca storica sia indipendente e libera da interferenze politiche esterne.

Le accuse dell’ambasciatore ucraino appaiono come un’ingerenza indebita sul terreno della ricerca storica italiana. È fondamentale che i docenti italiani siano liberi di condurre le proprie ricerche e di scegliere i libri di testo senza pressioni esterne e che abbiano la libertà di adottare prospettive storiografiche diverse e critiche.

Nell’ambiente scolastico è importante che gli studenti siano abituati a diverse interpretazioni della storia, consentendo loro di sviluppare un pensiero critico e analitico.

La presenza di prospettive storiografiche diverse non solo arricchisce il dibattito storico, ma aiuta anche gli studenti a comprendere la complessità degli eventi e a sviluppare una visione più completa del passato.

E’ ovvio che la presenza di diverse prospettive non significa che tutte abbiano lo stesso peso o la stessa validità.

È compito dei docenti valutare criticamente le fonti storiche e fornire agli studenti gli strumenti necessari per discernere tra diverse interpretazioni e arrivare a una comprensione accurata dei fatti storici.

In conclusione, mentre la controversia sollevata dall’ambasciatore ucraino richiama l’attenzione sulla manipolazione politica della storia, è fondamentale difendere la libertà di insegnamento e di scelta dei libri di testo nonché il pluralismo di opinioni nell’ambito della ricerca storica. È compito dei docenti italiani garantire che gli studenti abbiano accesso a una visione equilibrata e accurata della storia, preservando al contempo la libertà di espressione e il diritto alla ricerca indipendente.

Alessandro Marescotti – docente e fondatore di PeaceLink

Daniele Novara – pedagogista e fondatore del Centro Psicopedagogico per la Pace

Note: Scuola, ambasciatore Ucraina: “Preoccupa disinformazione russa in libri di testo italiani”
https://www.adnkronos.com/cronaca/scuola-ambasciatore-ucraina-preoccupa-disinformazione-russa-in-libri-di-testo-italiani_3D2gjjeYxNOhnLPIyYLZCn

L’allarme degli ucraini: “Nei libri di scuola italiani c’è la storia secondo Putin”
https://www.repubblica.it/cronaca/2024/03/20/news/ucraina_libri_scuola_filorussi-422339630/

Dossier shock su libri scuola pro Putin, ministero corre ai ripari: avviata verifica
“È grave che su 13 sussidiari ben 12 raccontino la storia e la geografia secondo la propaganda putiniana”. E’ quanto ha detto, parlando con l’Adnkronos Maria Elena Boschi (Iv)
https://www.adnkronos.com/cronaca/libri-scuola_2yfXs4WkEoByYCyCzfZeyH

Scuola, le autrici del dossier: “Libri filorussi devono spaventare genitori italiani, non ucraini”
https://www.adnkronos.com/cronaca/scuola-le-autrici-del-dossier-libri-filorussi-devono-spaventare-genitori-italiani-non-ucraini_yzOTPiIDEdM1njfb4Nyjd

https://www.peacelink.it/conflitti/a/49983.html

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria