Free Porn
lunedì, Maggio 27, 2024

Una copertura accademica per demonizzare la solidarietà con la Palestina (Dan Weissmann)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Il Journal of Contemporary Antisemitism travisa la sua bona fides accademica confondendo l’attivismo di solidarietà con la Palestina con il bigottismo antiebraico.

All’inizio di gennaio, il nuovo ministro della Sicurezza nazionale israeliano Itamar Ben Gvir ha ordinato alla polizia di far rispettare il divieto di sventolare le bandiere palestinesi negli spazi pubblici. Per molti che hanno seguito l’ascesa di Ben Gvir e la costante virata di Israele verso una politica apertamente fascista, questa mossa non è stata una sorpresa. La demonizzazione della bandiera palestinese, tuttavia, non è affatto un fenomeno esclusivamente israeliano.

Quasi esattamente un anno prima, un articolo intitolato “The Palestinian Flag as a Tool of Oppression” (La bandiera palestinese come strumento di oppressione) è stato pubblicato sul Journal of Contemporary Antisemitism (JCA). Questo articolo, e altri simili, meritano attenzione non per la loro forza intellettuale, ma come illustrazione del tipo di lavoro altamente politicizzato mascherato da rigorosa ricerca accademica sull’antisemitismo che sta diventando sempre più prevalente oggi, dal Regno Unito agli Stati Uniti, alla Germania e oltre.

Il JCA si descrive come “la principale pubblicazione accademica del settore”; in effetti, sembra essere l’unica rivista attiva in lingua inglese dedicata interamente allo studio dell’antisemitismo. Attualmente è pubblicata con cadenza semestrale dalla Academic Studies Press, con sede negli Stati Uniti, e ha pubblicato 10 numeri dal lancio nell’autunno del 2017. Oltre a pubblicare articoli sottoposti a revisione paritaria in doppio cieco, offre recensioni di libri, saggi e quelli che definisce “articoli mirati” di “illustri ricercatori senior”, che non sono soggetti a revisione paritaria. Per il lettore, tuttavia, questi articoli sono visivamente indistinguibili dagli articoli sottoposti a revisione paritaria e non sono identificati come tali nell’indice del numero.

Euan Philipps, che ha scritto l’articolo sulla bandiera palestinese, è il responsabile dei media per l’organizzazione britannica di vigilanza sull’antisemitismo Labour Against Antisemitism; non viene spiegato in che modo questo corrisponda all’etichetta di “illustre ricercatore senior”. L’obiettivo del suo articolo, pubblicato come uno dei “target articles” della rivista, era quello di esaminare le proteste di solidarietà con la Palestina tenutesi nel Regno Unito in risposta ai bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza nel maggio 2021, e di “valutare il modo in cui i significanti del movimento pro-Palestina veicolano significati aggressivamente antisemiti”.

Fin da subito appare chiaro che questo documento non è affatto un’argomentazione o una valutazione accademica. In primo luogo, manca qualsiasi considerazione sulla semiotica delle bandiere – il loro rapporto con la memoria, la cultura e l’identità – che ci si aspetterebbe da un articolo accademico sull’argomento. In secondo luogo, dei 50 diversi riferimenti citati, solo tre provengono da fonti accademiche; gli altri si riferiscono a post su Twitter, articoli di giornale e organizzazioni politiche come Labour Friends of Israel (un gruppo pro-Israele all’interno del partito laburista parlamentare del Regno Unito), l’organizzazione pro-Israele Committee for Accuracy in Middle East Reporting and Analysis e l’importante attivista e blogger sionista britannico David Collier, che ritiene che la Palestina non sia un luogo reale ma un’invenzione coloniale, tra gli altri.

Inoltre, le narrazioni attorno alle quali è strutturato l’articolo sono la santa trinità dell’hasbara: l’occupazione della Palestina è “complessa”; il sostegno alla lotta palestinese equivale al sostegno ad Hamas; il movimento di solidarietà palestinese sta demonizzando Israele per odio verso gli ebrei.

Ignorare le ripercussioni del sionismo nel mondo reale
Se non è chiaro come Philipps rientri nella definizione di “illustre ricercatore senior”, lo stesso si può dire di un paralegale che lavora per la Financial Conduct Authority britannica, che nel 2020 ha scritto un articolo sul JCA intitolato “Did a Corbyn-Led Government Pose an ‘Existential Threat to Jewish Life’ in the UK? Stati rivoluzionari e distruzione delle comunità ebraiche”. L’articolo, il cui titolo fa riferimento a una dichiarazione pubblicata congiuntamente sulle prime pagine dei tre maggiori quotidiani ebraici britannici nel luglio 2018, sostiene che un’ipotetica amministrazione Corbyn non dovrebbe essere misurata in base al suo manifesto elettorale, ma in base all’affinità percepita da Corbyn con i regimi venezuelano, cubano e, soprattutto, iraniano.

L’articolo non fa alcun tentativo di stabilire un quadro o una metodologia comparativa. Piuttosto, si limita a descrivere la storia delle comunità ebraiche in quei Paesi e a trasferire il loro destino in una Gran Bretagna immaginaria guidata da Jeremy Corbyn. Anche in questo caso, come per l’articolo di Philipps, solo cinque dei 65 riferimenti sono di natura accademica.

Non sono solo gli “articoli mirati” non sottoposti a peer-review a non reggere l’esame, ma anche molti degli articoli regolari, che sono soggetti a peer review. Uno di questi articoli è di David Hirsh, docente senior presso la Goldsmiths University di Londra, direttore accademico e amministratore delegato del neonato London Centre for the Study of Contemporary Antisemitism e consulente editoriale della JCA. Nel suo articolo, Hirsh cerca di sostenere che l’antisionismo è antisemitismo ignorando completamente le ripercussioni reali del sionismo come movimento politico e riducendolo invece a un’espressione soggettiva dell’identità ebraica.

L’articolo elude qualsiasi discussione sul sionismo come motore ideologico dietro l’istituzione dello Stato di Israele come Stato ebraico a spese della popolazione palestinese autoctona e come forza che continua a determinare le sue politiche verso i palestinesi e la loro terra oggi. Anche in questo caso, l’articolo di Hirsh non fornisce molti studi tra le opere a cui fa riferimento, né offre un quadro metodologico. Rimane un mistero come questo articolo abbia superato una peer review indipendente.

Ciò che accomuna tutti questi articoli è il presupposto che gli autori conoscano le reali motivazioni delle persone, indipendentemente da ciò che dicono. Si tratta di un’epistemologia pseudoscientifica che rivendica la capacità di guardare nella mente dell’avversario e di sapere cosa intende veramente.

Un giornale pro-Israele e anti-palestinese
Questa direzione pseudoscientifica e la trascuratezza delle prospettive palestinesi quando Israele e il sionismo vengono discussi nella rivista potrebbero essere un riflesso della sua leadership. Il caporedattore della JCA, Lesley Klaff, che insegna legge all’Università di Sheffield Hallam, ha sostenuto in un articolo del 2010 che “l’eliminazione di Israele come Stato ebraico comporterebbe necessariamente l’annientamento dei diversi milioni di ebrei israeliani che vi abitano” e ha descritto la difesa di uno Stato esclusivamente ebraico come “equivalente alla promozione dell’Olocausto”.

Nel comitato editoriale del JCA figurano alcuni nomi di spicco dell’educazione all’antisemitismo e della difesa di Israele da tutto il mondo. Samuel Salzborn, ad esempio, lo zar dell’antisemitismo dello Stato di Berlino, una volta ha twittato: “Quando le persone sul treno… iniziano a parlare di ‘Palestina’ senza alcun motivo, è il momento di scendere, mettere le cuffie o urlare loro contro. #antisemitismo”. Jonathan Turner, amministratore delegato di UK Lawyers for Israel, è noto per aver condotto campagne legali contro i gruppi studenteschi pro-Palestina e gli individui nel mondo accademico. Il professor Efraim Karsh sostiene nel suo libro del 2010, “Palestine Betrayal”, che la Nakba è stata “esclusivamente opera [dei palestinesi]”.

Il membro più importante del comitato editoriale, tuttavia, è Deborah Lipstadt. Salita alla ribalta durante il processo per diffamazione contro il negazionista dell’Olocausto David Irving nel 1996, l’anno scorso è stata nominata dall’amministrazione Biden inviata speciale per monitorare e combattere l’antisemitismo. Nel corso degli anni, Lipstadt ha accusato il senatore Bernie Sanders di essere cieco nei confronti dell’antisemitismo a sinistra e ha affermato che il movimento BDS e il diritto al ritorno dei palestinesi rappresentano un “appello alla distruzione dello Stato di Israele”.

È questo quadro ideologico, pro-Israele e anti-palestinese, che attraversa la produzione della rivista e svaluta la pubblicazione accademica come parte della ricerca scientifica della conoscenza. Quando una rivista usa la sua reputazione di “pubblicazione accademica leader” che “segue le migliori pratiche accademiche” per riciclare articoli pseudoscientifici che attaccano o svalutano l’esistenza palestinese, rende un disservizio non solo al mondo accademico come campo, ma soprattutto agli accademici seri che dedicano il loro lavoro e la loro carriera a combattere il vero antisemitismo e il razzismo.

http://www.bocchescucite.org/una-copertura-accademica-per-demonizzare-la-solidarieta-con-la-palestina/

Dan Weissmann è un ricercatore di dottorato in Comunicazione politica con sede nel Regno Unito.

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria