Free Porn
venerdì, Giugno 21, 2024

Ridurre il conflitto: smontare la strategia di Israele (Walid Habbas)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Dal 2021, i leader israeliani hanno proposto una nuova serie di politiche economiche adottando l’approccio di “ridurre il conflitto”. Questa strategia mira a offrire ai palestinesi maggiori opportunità economiche e le cosiddette libertà come un modo per sostenere l’occupazione israeliana. In questo articolo, l’analista politico di Al-Shabaka Walid Habbas smonta questo progetto e spiega perché i palestinesi non saranno pacificati con incentivi economici.

PANORAMICA

Dal 2021, un numero crescente di leader israeliani ha proposto nuove politiche per gestire l’occupazione della Cisgiordania, comprese Gerusalemme Est e Gaza. Queste politiche sono basate nel nuovo concetto di “riduzione del conflitto”, un approccio introdotto nel 2018 dallo storico israeliano Micah Goodman che raccomanda la gestione del “conflitto al di sotto della soglia di guerra, migliorando al contempo la vita quotidiana della popolazione palestinese”.

L’approccio, che è una versione rivista del modello di “pace economica” di Benjamin Netanyahu, mira a rafforzare l’occupazione militare del regime israeliano al fine di impedire la creazione di uno Stato palestinese o di una realtà a Stato unico. A differenza della strategia di “pace economica”, l’approccio della “riduzione del conflitto” è concepito per ridurre “le ondate di attacchi e gli scontri violenti” palestinesi ampliando presumibilmente le libertà dei palestinesi all’interno del sistema israeliano di Apartheid.

Questo articolo smonta l’approccio israeliano del “ridurre il conflitto” e i cambiamenti politici che esso comporta. Esamina le nuove decisioni economiche del governo nei confronti della Cisgiordania e di Gaza, delineandone le potenziali gravi e irreversibili implicazioni per i palestinesi. Si sostiene qui che qualsiasi cambiamento che non sia in grado di smantellare completamente i sistemi israeliani di Apartheid, occupazione e colonizzazione territoriale non porterebbe né un miglioramento alla vita dei palestinesi, né alla loro accettazione dello status quo.

ANALISI DEL CONCETTO DI “RIDUZIONE DEL CONFLITTO”

Goodman ha introdotto per la prima volta il concetto di “riduzione del conflitto” come soluzione alla crescente spaccatura tra la cosiddetta sinistra israeliana, che ha chiesto la fine dell’occupazione israeliana per evitare una realtà di Apartheid a un solo Stato, e la destra israeliana, che si oppone a qualsiasi ritiro israeliano dalle terre occupate nel 1967. L’approccio di Goodman deve essere inteso come una nuova versione della precedente strategia di “gestione del conflitto” attraverso la “pace economica”. Le politiche attuate attraverso la strategia della “pace economica” hanno rafforzato la dipendenza economica palestinese dal regime israeliano, permettendo al contempo tattiche militari oppressive contro i palestinesi.

Al contrario, l’approccio di “riduzione del conflitto” presuppone che gli strumenti israeliani di oppressione generino attriti quotidiani “non necessari” che aumentano le probabilità di lamentele palestinesi e, quindi, scontri violenti. Nell’ambito di questa nuova strategia, il regime israeliano non deve smantellare la sua occupazione, ma semplicemente gestirla in modo diverso, apparentemente meno oppressivamente. In questo modo, l’approccio della “riduzione del conflitto” ha del tutto abbandonato ogni seria discussione sulla soluzione a Due Stati.

In altre parole, sono state introdotte politiche di “pace economica” per aumentare la dipendenza economica palestinese da Israele con il pretesto dei due Stati, al fine di creare un segmento della società palestinese complice nella continuazione dello status quo. È importante sottolineare che queste politiche hanno creato un’élite economica palestinese compiacente che ha lavorato in parallelo con le autorità di occupazione israeliane per sopprimere violentemente una strada palestinese provocatoria. Inoltre, l’approccio di “pace economica” non prevedeva disposizioni per mitigare le sofferenze dei palestinesi sotto l’occupazione militare israeliana.

Mentre il modello di “riduzione del conflitto” continua con politiche economiche simili, propone modi attraverso i quali il “desiderio pubblico palestinese di pieni diritti civili” possa essere riconosciuto senza la necessità per Israele di porre fine alla sua occupazione e senza il riconoscimento dei confini sovrani palestinesi. Di conseguenza, offrire ai palestinesi strutture economiche, così come una maggiore mobilità all’interno della Cisgiordania e l’accesso al mondo esterno, fanno parte di una più ampia strategia israeliana per limitare le lamentele sull’occupazione al fine di sostenerla. Ciò si basa sul presupposto razzista che i palestinesi accetteranno l’occupazione coloniale israeliana se i suoi meccanismi di oppressione saranno allentati e resi meno visibili.

Fondamentalmente, l’approccio di “riduzione del conflitto” presuppone erroneamente che la resistenza palestinese sia apolitica e non correlata alla lotta per la liberazione dall’Apartheid e dall’occupazione israeliane. Invece, l’approccio si basa sulla convinzione che la maggior parte degli scontri violenti tra palestinesi e israeliani derivi dalle condizioni sempre più aspre in cui vivono i palestinesi. In questo modo, l’approccio presuppone che non sia l’occupazione israeliana di per sé a perpetuare il conflitto, ma il modo in cui viene gestita attraverso l’aperta oppressione dei palestinesi. Riconfigurare l’occupazione per rendere la vita “più facile” ai palestinesi può quindi “ridurre il conflitto”, e un conflitto ridotto significa la continuazione dell’occupazione stessa.

Nonostante i maldestri tentativi di Goodman di colmare le diverse tendenze politiche israeliano mediante questo approccio, la “sinistra” israeliana sta rapidamente scomparendo e la dirigenza israeliana è ora probabilmente divisa tra una destra pragmatica e un’estrema destra, che rifiutano entrambe i negoziati politici e la statualità palestinese. Pertanto, qualsiasi nuova misura israeliana per “ridurre il conflitto”, attraverso l’ammorbidimento delle tattiche militari oppressive o l’aumento delle opportunità economiche per i palestinesi, deve essere intesa come un mezzo per estendere indefinitamente lo status quo dell’occupazione della Cisgiordania e di Gaza da parte del regime israeliano.

CREARE L’ILLUSIONE DELLA LIBERTÀ

Nel 2019, un gruppo di studenti e giovani politici israeliani ha istituito l’ “Iniziativa per la riduzione il conflitto” basata sulle otto raccomandazioni di Goodman per “migliorare” la vita dei palestinesi in un modo che porti vantaggi anche a Israele. Da allora, l’iniziativa fa parte di quasi tutte le sessioni della Knesset in cui si discuteva dell’economia palestinese, dell’Area C della Cisgiordania e di Gaza. L’approccio di “riduzione del conflitto” compare esplicitamente anche nel programma elettorale del Partito Nuova Speranza, ed è stato sostenuto sia dall’esponente della destra Neftali Bennett che dal cosiddetto centrista Yair Lapid.

Le prime quattro raccomandazioni di Goodman mirano ad aumentare il senso di libertà dei palestinesi sotto occupazione. In primo luogo, Goodman propone piani militari israeliani per collegare tutti i distretti palestinesi nelle aree A e B con nuove strade. La proposta si basa sul fatto che la mobilità limitata all’interno della Cisgiordania è una delle condizioni che rende particolarmente difficile la vita dei palestinesi, che devono continuamente confrontarsi con punti di controllo, insediamenti, pattuglie militari e posti di blocco israeliani. Strade più efficienti e meglio collegate per soli palestinesi aiuterebbero a nascondere l’infrastruttura dell’occupazione, dando teoricamente ai palestinesi la sensazione che l’occupazione sia in qualche modo scomparsa.

Goodman suggerisce anche di trasferire parti dell’Area C nell’Area A per consentire meglio ai palestinesi di espandere le proprie abitazioni in base alle necessità. Tuttavia, ciò non implica un graduale ritiro israeliano dall’Area C; piuttosto, implica che Israele è disposto a trasferire porzioni limitate dell’Area C ai palestinesi perché sono adiacenti ai villaggi palestinesi e non sono adatte all’espansione degli insediamenti. Inoltre, i palestinesi si affrettano a sottolineare che questi gesti sono spesso collegati all’espansione degli insediamenti israeliani. Nel 2021, e per la prima volta in 20 anni, il regime israeliano ha approvato la costruzione di oltre 1.000 unità abitative per i palestinesi in Area C solo pochi giorni dopo aver approvato la costruzione di 2.200 unità abitative israeliane, sempre in Area C. In questo modo, qualsiasi trasferimento di parti dell’Area C all’Area A per lo sviluppo abitativo palestinese accompagnato dall’espansione degli insediamenti israeliani aumenterà la resistenza palestinese.

La strategia di “riduzione del conflitto” richiede anche di facilitare la connessione dei palestinesi con il mondo esterno. A tal fine, Goodman propone di concedere ai palestinesi l’accesso agli aeroporti israeliani. Nel 2022, il regime israeliano ha fatto un passo in questa direzione, consentendo ai palestinesi della Cisgiordania di utilizzare l’aeroporto di Ramon, situato nel Naqab meridionale, per viaggiare. Sebbene apparentemente vantaggioso a prima vista, questo passo non fa che accentuare il controllo israeliano sui palestinesi. Infatti, per accedere all’aeroporto di Ramon, i palestinesi devono affidarsi alle infrastrutture di trasporto israeliane, il che permette al regime israeliano ad aumentare i suoi meccanismi di sorveglianza.

Infine, Goodman raccomanda paradossalmente che Israele sostenga gli sforzi diplomatici palestinesi per ottenere il riconoscimento internazionale come Stato, ma non riconosca i confini di uno Stato palestinese. Mentre il riconoscimento della statualità “aumenterebbe il senso di libertà e indipendenza dei palestinesi”, spiega Goodman, se non si riconoscono i confini palestinesi, le incursioni delle forze di occupazione israeliane in Cisgiordania continueranno a non essere considerate violazioni del territorio sovrano, una componente importante della sua proposta originale in ebraico che è stata omessa dalla traduzione inglese. Indipendentemente da ciò, è improbabile che il sostegno alla statualità palestinese avvenga sotto qualsiasi regime israeliano, specialmente sotto il nuovo governo di coalizione di estrema destra di Israele.

LE COMPONENTI ECONOMICHE DELLA “RIDUZIONE DEL CONFLITTO”

Il regime israeliano utilizza da tempo l’economia per controllare e pacificare i palestinesi. Ciò è stabilito nel Protocollo economico di Parigi (PEP) del 1994, un accordo tra Israele e l’Autorità Palestinese (AP) volto a dare l’illusione dell’autonomia economica palestinese, rendendo invece paradossalmente i palestinesi economicamente dipendenti dal regime israeliano. Nel corso degli ultimi cinque anni, la dirigenza israeliana ha fatto poco più che evolvere il modello di “pace economica” di Netanyahu, che rientra esattamente nel quadro del PEP.

Fondamentalmente, qualsiasi nuova politica economica israeliana che offra ai commercianti e ai lavoratori palestinesi opportunità di mobilità e collaborazione con Israele al fine di aumentare presumibilmente il loro tenore di vita, e quindi “minimizzare” il conflitto, è fondamentalmente errata e illogica. Questi tentativi devono essere intesi come un modo per rafforzare la frammentazione geografica ed economica palestinese, così come la dipendenza economica da Israele, in uno stato di perpetuo de-sviluppo.

IL PUNTO DI VISTA DI GOODMAN SULLE RELAZIONI ECONOMICHE

L’approccio di Goodman di “ridurre il conflitto” è volto a consentire una revisione del PEP, anche attraverso la collaborazione economica congiunta tra i palestinesi e il regime israeliano. Nell’ambito di questo approccio, l’ex Primo Ministro israeliano Yair Lapid e il Primo Ministro palestinese Mohammad Shtayyeh hanno partecipato a un incontro nel settembre 2022 sponsorizzato dal Ministero degli Affari Esteri norvegese, il cui obiettivo era promuovere la costruzione dello Stato palestinese. Il Comitato di collegamento dedicato ha successivamente proposto di ristrutturare le relazioni finanziarie tra palestinesi e israeliani, nonché il rilancio del Comitato Economico Congiunto, congelato dopo la Seconda Intifada. Ad oggi, nessuna di queste proposte è stata avanzata, ed entrambe saranno probabilmente abbandonate sotto il sesto governo di Netanyahu.

Goodman propone anche ulteriori agevolazioni economiche, basate sui cambiamenti politici raccomandati dall’Istituto per gli Studi sulla Sicurezza Nazionale, volte a ottenere l’acquiescenza politica palestinese. Ad esempio, sostiene la graduale assegnazione di ulteriori terre nell’Area C alla cooperazione economica israelo-palestinese, compresi gli investimenti stranieri e ulteriori parchi industriali che rimarrebbero sotto il controllo israeliano. Questi si aggiungerebbero a progetti già esistenti, come il Parco Industriale Multidisciplinare di Betlemme (BMIP) e la Società del Parco Agroindustriale di Gerico (JAIP Co.), nessuno dei quali è riuscito nel suo intento di sostenere la crescita economica palestinese. A dire il vero, la proposta di Goodman si basa sugli investimenti stranieri, un importante promemoria del fatto che la “riduzione del conflitto” serve anche agli interessi di parti interessate al di fuori della Palestina colonizzata.

Inoltre, Goodman chiede la creazione di percorsi logistici “sicuri” all’interno della Cisgiordania per facilitare il processo di trasferimento delle merci palestinesi ai mercati israeliani, incentivando così più commercianti palestinesi a cercare di entrare in accordo con il regime israeliano. Chiede inoltre di aumentare e diversificare la manodopera palestinese nei territori del 1948. Sebbene passono sembrare vantaggiose per i palestinesi, queste due misure non fanno che favorire la loro sottomissione economica:

LA CREAZIONE DI PERCORSI LOGISTICI “SICURI”

Dal 2018, l’Amministrazione Civile israeliana, l’USAID e il Quartetto (ONU, USA, UE e RUSSIA), insieme a diversi grandi produttori palestinesi, hanno lavorato a un nuovo modello per esportare le merci palestinesi nei mercati israeliani consentendo ai camion israeliani di entrare nell’area A e caricare le merci direttamente dalle porte delle fabbriche palestinesi. Il nuovo modello, noto come accordo “porta a porta”, riduce significativamente il tempo di trasferimento dei prodotti e snellisce il processo di arrivo delle merci palestinesi nei mercati israeliani.

L’accordo è promosso come finanziariamente vantaggioso per i grandi produttori palestinesi che sarebbero in grado di aumentare la produzione e i loro profitti rispettando le condizioni israeliane. Tuttavia, esso include diversi requisiti per i palestinesi che ruotano attorno alla sicurezza: 1) le fabbriche palestinesi devono erigere barriere di cemento e recinzioni metalliche, supportate da un sistema di allarme collegato direttamente a un ufficio militare israeliano presso il varcoo commerciale più vicino; 2) I dipendenti palestinesi, addestrati dall’esercito israeliano, devono caricare le merci palestinesi e riferire quotidianamente ai loro supervisori militari israeliani; e 3) ogni camion merci deve installare un sistema di localizzazione GPS che consenta agli agenti militari israeliani di sorvegliare le spedizioni sulla strada che attraversa la Cisgiordania.

A settembre 2022, 21 aziende palestinesi ad al-Khalil (Hebron), Ramallah e Nablus hanno aderito all’accordo porta a porta. Le spedizioni totali che utilizzano questo metodo sono state 61.880 tra marzo 2018 e settembre 2022, riducendo i costi logistici di circa 8,6 milioni di dollari (8.156.000 di euro). Come nel modello di “pace economica”, questo accordo garantisce che una parte dei grandi produttori palestinesi sia separata dal resto degli esportatori palestinesi, che invece ne risentono. In effetti, le autorità di occupazione israeliane richiedono che i palestinesi che aderiscono all’accordo porta a porta debbano superare il volume del loro commercio con Israele di 10 milioni di NIS (2,6 milioni di euro) all’anno, un risultato a cui pochissimi palestinesi possono aspirare.

Oltre a peggiorare il divario salariale dei palestinesi in una geografia già frammentata, la politica del porta a porta consente un’ulteriore invasione israeliana sulla terra palestinese e la sorveglianza sulla loro vita quotidiana. L’accordo prevede che il regime israeliano si infiltri nei siti produttivi palestinesi nell’Area A, dove si trovano le fabbriche, ogni volta che lo ritiene necessario. Israele sorveglia anche questi siti di produzione, così come le rotte logistiche “sicure” riservate ai trasporti porta a porta, espandendo così in modo significativo la sua oppressiva infrastruttura di sorveglianza sui palestinesi.

Le forze di occupazione israeliane hanno anche intensificato i controlli di sicurezza nell’ambito del loro regime di permessi, facendo si che un numero crescente di palestinesi sia politicamente pacificato al fine di preservare i loro permessi di lavoro e mezzi di sussistenza economici. Nel complesso, queste politiche indicano che Israele sta insidiosamente assicurando l’annessione de facto di importanti poli di produzione economica palestinese, oltre a mettere a tacere il dissenso dei palestinesi offrendo loro incentivi economici.

APPROFONDIMENTO DELLA DIPENDENZA ECONOMICA ATTRAVERSO IL LAVORO

Alla fine del 2016, il regime israeliano ha emanato una risoluzione che richiedeva importanti “innovazioni” sia per quanto riguarda il volume di lavoratori palestinesi autorizzati nei territori del 1948, sia per quanto riguarda le procedure per il rilascio dei permessi di lavoro. Da allora, il governo ha legiferato diverse risoluzioni per attuare queste “innovazioni”. Di conseguenza, il numero di lavoratori palestinesi nei Territori del 1948 è aumentato da circa 110.000 nel 2016 a 204.000 nel 2022. Questo spostamento è in linea con il quinto passo di Goodman verso “ridurre il conflitto”: aumentare il numero di lavoratori palestinesi nel mercato del lavoro israeliano (con un tetto massimo di 400.000).

Allo stesso modo, nel marzo 2022, Israele ha emesso la Decisione 1328 per consentire ai lavoratori palestinesi di Gaza di entrare nei Territori del 1948 per la prima volta dal 2006. Entro la fine del 2022, il numero di lavoratori autorizzati provenienti da Gaza era limitato a 20.000. Compreso nel contesto della “riduzione del conflitto”, l’approccio del regime israeliano nei confronti di Gaza in particolare è passato da “calma per la calma” a “economia per la calma”, come ha dichiarato esplicitamente Yair Lapid, allora Ministro degli Esteri, nel settembre 2021. È importante sottolineare che, oltre a offrire ai palestinesi di Gaza opportunità economiche nei Territori del 1948, il territorio di Gaza è del tutto escluso dalla proposta di Goodman.

Sebbene le autorità israeliane sostengono che l’aumento del flusso di reddito in Cisgiordania e a Gaza contribuirà alla crescita economica palestinese, nel 2021, si è stimato che il reddito combinato dei lavoratori palestinesi nei Territori del 1948 ha raggiunto i 5,5 miliardi di dollari (5,2 miliardi di euro – circa il 35% del PIL palestinese), è necessario fare una distinzione tra tale crescita e sviluppo economico, soprattutto in condizioni di occupazione militare restrittiva e assedio. Invece, l’aumento della migrazione di manodopera palestinese verso il mercato israeliano rafforza fondamentalmente la dipendenza dei palestinesi da Israele e, quindi, dall’occupazione israeliana.

A peggiorare le cose, il regime israeliano non è più interessato solo alla manodopera palestinese a basso salario. Negli ultimi anni, ha diversificato la forza lavoro palestinese nei Territori del 1948 includendo i settori dell’alta tecnologia, della medicina e dell’ingegneria. Ha anche investito circa 300 milioni di NIS (78,3 milioni di euro) per formare i lavoratori palestinesi a nuove competenze professionali. In questo modo, l’espansione e la diversificazione della manodopera palestinese non fa altro che aumentare il numero di palestinesi che dipendono economicamente dal regime israeliano e dal mantenimento dello status quo politico.

PERCHÉ LA “RIDUZIONE DEL CONFLITTO” È DESTINATA A FALLIRE

Il concetto di “riduzione del conflitto” presuppone che una serie di cambiamenti della politica israeliana nei confronti della Cisgiordania e di Gaza, in particolare di tipo economico, eliminerà le condizioni che generano gli “scontri” tra i palestinesi e le forze di occupazione israeliane. Presumibilmente alleviando la gravità della sofferenza quotidiana dei palestinesi, l’occupazione militare israeliana diventa così più gestibile e sostenibile. In altre parole, la questione dell’autodeterminazione palestinese attraverso la creazione di uno Stato diventa obsoleta, sollevando i leader israeliani di tutto lo spettro politico dalla perenne questione di cosa fare con la popolazione palestinese.

In definitiva, il progetto della “riduzione del conflitto” rivela che il regime israeliano continuerà a operare a proprio vantaggio a spese dei palestinesi, anche sostenendo le stesse strutture dell’Apartheid coloniale che sono alla base della loro continua sofferenza. Infatti, come sostiene lo stesso Goodman, la “riduzione del conflitto” non richiede un accordo formale, il ritiro dei coloni o degli insediamenti israeliani dalla Cisgiordania, o la divisione di Gerusalemme.

In definitiva, gli otto passaggi di Goodman si basano sull’errata opinione che i palestinesi saranno meno propensi a resistere se si farà credere loro che possono godersi la vita sotto un’occupazione coloniale permanente attraverso minori restrizioni alla mobilità e maggiori opportunità di collaborazione economica con il regime israeliano. Si tratta di un presupposto distorto e razzista basato sul vecchio errore dei sionisti secondo cui i palestinesi non sono un popolo che chiede l’autodeterminazione, ma una folla apolitica e violenta che può essere pacificata se le vengono concessi i cosiddetti privilegi.

Alcuni aspetti dell’approccio di “riduzione del conflitto” favorito dalla pragmatica destra israeliana sono stati invalidati con la vittoria del governo di coalizione di estrema destra di Netanyahu nel dicembre 2022. Da un lato, l’aumento della repressione violenta della resistenza palestinese da parte di Israele, soprattutto nel Nord della Cisgiordania, ha minato il piano di eliminazione dei meccanismi che generano gli scontri. D’altra parte, è improbabile che la coalizione estremista di Netanyahu, che spinge per un’ulteriore espropriazione e spostamento dei palestinesi, segua le proposte di Bennett e Lapid per una presunta “riduzione del conflitto”. Tuttavia, è probabile che le misure economiche messe in atto dal 2021 continueranno a plasmare le relazioni economiche israelo-palestinesi nei prossimi anni.

E mentre il nuovo governo di coalizione israeliano deve ancora delineare le sue politiche economiche nei confronti della Cisgiordania e di Gaza, il suo palese impegno a rafforzare l’occupazione aggraverà certamente la sofferenza palestinese. I palestinesi non accetteranno mai questa realtà, anche di fronte a maggiori agevolazioni economiche. In altre parole, anche se i politici israeliani spingono per misure volte a “migliorare” la vita dei palestinesi attraverso una maggiore partecipazione al mercato del lavoro israeliano, la mobilità all’interno della Cisgiordania o l’accesso al mondo esterno, la realtà del colonialismo israeliano, dell’Apartheid e dell’occupazione persisterà, così come la resistenza palestinese.

Walid Habbas è ricercatore presso il Forum Palestinese per gli Studi Israeliani (MADAR) e dottorando presso l’Università Ebraica di Gerusalemme. Attualmente lavora sulle relazioni economiche tra Cisgiordania e Israele con particolare attenzione alle molteplici modalità di interazione tra gli attori palestinesi e le strutture coloniali: i regimi di confine e di permesso. Si occupa di attività come il contrabbando, la migrazione di manodopera, le reti di intermediazione del lavoro, le rotte logistiche e gli interventi economici coloniali.

Walid Habbas – 6 marzo 2023

Articolo pubblicato originariamente su Al-shabaka e tradotto dall’inglese da Beniamino Rocchetto

http://www.bocchescucite.org/ridurre-il-conflitto-smontare-la-strategia-di-israele/

Fonte: https://al-shabaka.org/…/shrinking-the-conflict…/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria