Free Porn
lunedì, Maggio 27, 2024

Lettera aperta di un pacifista Ucraino (Yurii Sheliazhenko)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Intervento di Yurii Sheliazhenko (executive secretary of Ukrainian Pacifist Movement) al webinar dell’International Peace Bureau “365 Days of War in Ukraine: Prospects Towards Peace in 2023” (24 febbraio 2023).

Cari amici, saluti da Kiev, capitale dell’Ucraina.

Ci incontriamo oggi nel disgustoso anniversario dell’inizio di un’invasione russa su vasta scala, che ha portato nel mio paese enormi uccisioni, sofferenze e distruzione.

Tutti questi 365 giorni ho vissuto a Kiev, sotto i bombardamenti russi, a volte senza elettricità, a volte senza acqua, come molti altri ucraini che hanno avuto la fortuna di sopravvivere.

Ho sentito esplosioni dietro le mie finestre, la mia casa scossa dal martellamento dell’artiglieria in un combattimento a distanza.

Sono rimasto deluso dai fallimenti degli accordi di Minsk, dei colloqui di pace in Bielorussia e Türchia.

Ho visto come i media e gli spazi pubblici ucraini sono diventati più ossessionati dall’odio e dal militarismo. Ancora più ossessionato rispetto ai precedenti 9 anni di conflitto armato, quando Donetsk e Luhansk sono stati bombardati dall’esercito ucraino, come Kiev è stata bombardata dall’esercito russo lo scorso anno.

Ho chiesto apertamente la pace nonostante le minacce e gli insulti.

Ho chiesto il cessate il fuoco e seri colloqui di pace, e soprattutto ho insistito sul diritto di rifiutare di uccidere, negli spazi online, nelle lettere ai funzionari ucraini e russi, negli appelli alle società civili, nelle azioni nonviolente.

I miei amici e colleghi del Movimento pacifista ucraino hanno fatto lo stesso.

A causa dei confini chiusi e della crudele caccia ai soldati di leva nelle strade, nei trasporti, negli hotel e persino nelle chiese, noi pacifisti ucraini non avevamo altra scelta che chiedere la pace direttamente dal campo di battaglia! E non è un’esagerazione.

Uno dei nostri membri, Andrii Vyshnevetsky, è stato arruolato contro la sua volontà e inviato al fronte. Invano chiede il congedo per motivi di coscienza perché le Forze Armate dell’Ucraina si sono rifiutate di rispettare il diritto umano all’obiezione di coscienza al servizio militare. È sanzionato, e abbiamo già prigionieri di coscienza come Vitalii Alexeienko che ha detto, prima che la polizia lo portasse in prigione per il suo rifiuto di uccidere: “Leggerò il Nuovo Testamento in ucraino e pregherò per la misericordia, la pace e la giustizia di Dio per il mio paese”.

Vitaliy è un uomo molto coraggioso, è andato così coraggiosamente a soffrire per la sua fede senza alcun tentativo di fuga o evasione dalla prigione, perché la coscienza pulita gli dà un senso di sicurezza. Ma questo tipo di credenti è raro, la maggior parte delle persone pensa alla sicurezza in termini pragmatici, e hanno ragione.

Per sentirti sicuro, la tua vita, salute e ricchezza non devono essere in pericolo, e non ci devono essere preoccupazioni per la famiglia, gli amici e tutto il tuo habitat.

La gente pensava che la sovranità nazionale con tutta la forza delle forze armate proteggesse la loro sicurezza da intrusi violenti.

Oggi sentiamo molte parole forti sulla sovranità e l’integrità territoriale. Sono parole chiave nella retorica di Kiev e Mosca, Washington e Pechino, altre capitali d’Europa, Asia, Africa, America e Oceania.

Il presidente Putin intraprende la sua guerra di aggressione per proteggere la sovranità della Russia dalla NATO alle porte, lo strumento degli Stati Uniti e della loro egemonia.

Il presidente Zelensky chiede e riceve dai paesi della NATO ogni sorta di armi mortali per sconfiggere la Russia che, se non sconfitta, è percepita come una minaccia per la sovranità ucraina.

L’ala mediatica mainstream dei complessi industriali militari convince la gente che il nemico non è negoziabile se non viene schiacciato prima dei negoziati.

E le persone credono che la sovranità le protegga dalla guerra di tutti contro tutti, nelle parole di Thomas Hobbes.

Ma il mondo di oggi è diverso dal mondo della pace della Westfalia, e la nozione feudale di sovranità e integrità territoriale non affronta le sfacciate violazioni dei diritti umani commesse da ogni sorta di sovrani con la guerra, con finti guerrafondai democratici e con aperta tirannia.

Quante volte hai sentito parlare di sovranità e quante volte hai sentito parlare di diritti umani?

Dove abbiamo perso i diritti umani, ripetendo il mantra sulla sovranità e l’integrità territoriale?

E dove abbiamo perso il buon senso? Perché più potente è il tuo esercito, maggiore è la paura e il risentimento che provoca, trasformando amici e neutrali in nemici. E nessun esercito può evitare la battaglia per molto tempo, è desideroso di spargere sangue.

Le persone devono capire che hanno bisogno di un governo pubblico non violento, non di una sovranità bellicosa.

Le persone hanno bisogno di armonia sociale e ambientale, non di integrità territoriale autarchica con confini militarizzati, filo spinato e uomini armati che fanno la guerra ai migranti.

Oggi il sangue sta versando in Ucraina. Ma gli attuali piani per condurre la guerra per anni e anni, per decenni, potrebbero trasformare l’intero pianeta in un campo di battaglia.

Se Putin o Biden si sentono al sicuro seduti sulle loro scorte nucleari, io ho paura della loro sicurezza e anche milioni di persone sane di mente hanno paura.

In un mondo in rapida polarizzazione, l’Occidente ha deciso di vedere la sicurezza nel profitto di guerra e nell’alimentare la macchina da guerra con consegne di armi, e l’Oriente ha scelto di prendere con la forza quelli che considera i suoi territori storici.

Entrambe le parti hanno i cosiddetti piani di pace per assicurarsi tutto ciò che vogliono in modo estremamente violento e quindi far accettare all’altra parte un nuovo equilibrio di potere.

Ma non è un piano di pace per sconfiggere il nemico.

Non è un piano di pace prendere terre contese, o rimuovere rappresentanti di altre culture dalla propria vita politica, e negoziare condizioni di accettazione di ciò.

Entrambe le parti si scusano per il loro comportamento di riscaldamento affermando che è in gioco la sovranità.

Ma quello che devo dire oggi: oggi è in gioco una cosa più importante della sovranità.

La nostra umanità è in gioco.

È in gioco la capacità dell’umanità di vivere in pace e di risolvere i conflitti senza violenza.

La pace non è sradicare il nemico, è creare amici dai nemici, è ricordare la fratellanza umana universale e la sorellanza e i diritti umani universali.

E dobbiamo ammettere che i governi ei governanti dell’Est e dell’Ovest sono corrotti da complessi industriali militari e da grandi ambizioni di potere.

Quando i governi non sono in grado di costruire la pace, allora il compito dipende da noi. È nostro dovere, come società civili, come movimenti pacifisti.

Dobbiamo sostenere il cessate il fuoco e i colloqui di pace. Non solo in Ucraina, ma ovunque, in tutte le guerre senza fine.

Dobbiamo sostenere il nostro diritto di rifiutarci di uccidere, perché se tutti si rifiutano di uccidere non ci saranno guerre.

Dobbiamo imparare e insegnare metodi pratici di vita pacifica, governo nonviolento e gestione dei conflitti.

Negli esempi di giustizia riparativa e di diffusa sostituzione del contenzioso con la mediazione, vediamo il progresso degli approcci nonviolenti alla giustizia.

Possiamo ottenere giustizia senza violenza, come disse Martin Luther King.

Dobbiamo costruire un ecosistema di costruzione della pace in tutte le sfere della vita, alternativo all’economia e alla politica militarizzate tossiche.

Questo mondo è malato di guerre senza fine; diciamo questa verità.

Questo mondo deve essere guarito con amore, conoscenza e saggezza, con una pianificazione rigorosa e un’azione di pace.

Guariamo il mondo insieme.

Yurii Sheliazhenko

(executive secretary of Ukrainian Pacifist Movement) 

https://worldbeyondwar.org/peace-in-ukraine-humanity-is-at-stake/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria