sabato, Febbraio 4, 2023

A Gaza, un nuovo anno porta la stessa dura realtà (Maram Humaid)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

La vita a Gaza ha un tema ricorrente, quello delle difficoltà ripetute, senza prospettive di miglioramento, scrive Maram Humaid.

Gaza City – “Quali sono i tuoi desideri per il nuovo anno?”.

È una domanda tipica, ma non viene posta nella Striscia di Gaza.

Se lo facessi, ti esporresti a sguardi strani o arrabbiati, o qualcuno potrebbe pensare che lo stai prendendo in giro.

Così, invece, ho posto la domanda a me stesso.

Sono un giornalista, ma vengo da Gaza; ho vissuto la sua realtà quotidiana, le sue difficoltà e le sue sfide.

Essere un giornalista qui è un fardello pesante.

Si riportano notizie che possono lasciare sconfortati, ma sono notizie che si ripetono da più di 15 anni, dall’inizio del blocco israeliano di Gaza, su una tragedia umana continua che i miei compagni palestinesi di Gaza vivono.

Scriviamo degli stessi problemi, delle stesse circostanze, delle stesse notizie di escalation militari e delle stesse sofferenze, senza che nulla cambi.

Questo significa che la vita dei due milioni di persone che vivono a Gaza non ha valore?

Molti palestinesi di Gaza fanno fatica ad affrontare le continue sofferenze e hanno perso il desiderio di parlare e di essere intervistati.

Le loro risposte alle mie domande iniziano sempre con la stessa risposta: “Cosa diremo? Nessuno ci ascolta o ci sente”.

L’anno scorso Gaza non è stata risparmiata da un attacco militare.

In agosto, Israele ha lanciato un’offensiva che alla fine ha ucciso almeno 49 palestinesi, ne ha feriti centinaia e ne ha fatti sfollare decine.

È uno scenario sanguinoso che continua a ripetersi e che serve solo a peggiorare le condizioni di un territorio che è già collassato dal punto di vista economico, ambientale e politico, un’area che le Nazioni Unite avevano previsto sarebbe stata “inabitabile” entro il 2020.

Quando ripenso ai tre giorni dell’attacco israeliano di agosto, ricordo molte storie dolorose di dolore e perdita.

Non so come Umm Khalil Hamada possa guardare al nuovo anno senza l’unico figlio che ha dato alla luce dopo 15 anni di tentativi di concepimento.

E Rahaf Suleiman, 11 anni, che ha perso la mano e i piedi in seguito a un bombardamento israeliano?

Come farà la popolazione di Gaza a dimenticare tutto questo dolore, tristezza e amarezza? Come potranno andare avanti sapendo che la tregua che incombe su di loro potrebbe crollare in qualsiasi momento, senza alcuna soluzione politica in vista? Come, come, come?

A Gaza può finire un ciclo di conflitto, ma la gente ha la sensazione di vivere una guerra quotidiana. Una guerra feroce, combattuta contro i valichi di frontiera chiusi e le restrizioni agli spostamenti, contro gli alti tassi di disoccupazione, contro l’estrema povertà e contro le quotidiane interruzioni di corrente.

Ricerca disperata di cure mediche

Uno dei principali effetti del vivere a Gaza è la ricerca di cure mediche.

Lo scorso anno, mia madre ha sofferto di complicazioni polmonari dopo essere stata infettata due volte con il COVID-19. Le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare in modo significativo e i medici di Gaza, con le loro risorse limitate e il sistema sanitario fatiscente, non hanno potuto aiutarla.

A Gaza, in questo caso, l’opzione migliore è pensare di curarsi negli ospedali israeliani. Questo, tuttavia, comporta diversi ostacoli: la presentazione di referti medici, la richiesta di un referto medico, i permessi di sicurezza e i documenti di un’organizzazione per i diritti umani per dimostrare che il caso è umanitario.

Il Dipartimento degli Affari Civili è il luogo in cui ci si rivolge quando si richiede di viaggiare attraverso il valico di Beit Hanoon, gestito da Israele, noto come Erez per gli israeliani.

Naturalmente non eravamo soli. C’erano decine, se non centinaia, di cittadini che si accalcavano nell’edificio per richiedere cure mediche in Israele.

Uno stato di grande disperazione e impotenza affliggeva tutti coloro che aspettavano disperatamente un permesso. Visi accigliati e coperti di sudore, stanchezza e ansia, in attesa di una risposta che di solito comportava una lunga lista di condizioni di sicurezza e, molto probabilmente, un rifiuto.

Dopo settimane di attesa e tentativi, la richiesta di mia madre è stata approvata dall’ospedale israeliano.

Ma le autorità israeliane si rifiutarono di darle il permesso di passare per Erez. Non è stata fornita alcuna motivazione.

In generale, Israele afferma che queste misure sono necessarie per motivi di sicurezza, ma per i palestinesi di Gaza sembra solo un altro modo per punire la popolazione.

Ci siamo quindi rivolti all’altra opzione: il valico di Rafah e l’Egitto.

Qui è iniziato un altro viaggio dalle procedure complicate.

Vale la pena ricordare che il viaggio attraverso il valico di Rafah è noto come “un pezzo di tormento”, poiché i viaggiatori trascorrono lunghe ore di attesa sul lato egiziano, prima di passare attraverso l’Egitto su una strada che richiede diverse ore, punteggiata da posti di blocco per i viaggiatori.

La distanza tra Rafah e Il Cairo non dovrebbe durare più di sei ore, ma con le restrizioni, ci vogliono più di 20 ore.

Alla fine mia madre è arrivata in Turchia, dove si è resa conto di come potrebbe essere la vita al di fuori del blocco di Gaza.

Nelle videochiamate, ha espresso il suo dolore per i suoi figli, per i giovani che dovranno vivere in quello che ha descritto come il “cimitero” di Gaza.

Mia madre ci ha raccontato di aver rischiato la morte a Gaza, senza cure mediche. Dopo aver potuto viaggiare e andare in Turchia, è tornata a vivere.

Le nostre conversazioni terminavano quando mancava la corrente.

Mi lasciava pensare alla nostra situazione, alla nostra realtà e al deterioramento della nostra qualità di vita.

Come fanno i palestinesi di Gaza ad affrontare tutto questo? E perché l’idea di una vita normale è solo un sogno per loro?

Non ho risposte a queste domande, ma, non essendoci alcuna speranza di risoluzione in vista, tutti gli abitanti di Gaza con cui ho parlato credono che ciò che deve ancora venire sarà ancora peggio. Il pensiero è che se si è ottimisti, ci si sta solo preparando a una delusione.

A Gaza, la gente non riesce a smettere di parlare di quella che prevede l’inevitabile esplosione della situazione, un’altra guerra devastante che la maggior parte pensa arriverà un giorno.

Eppure, la sensazione generale è di preoccupante ambivalenza.

“Se accadrà, sarà peggiore di quella che abbiamo vissuto?” è il ritornello comune. “Allora non c’è differenza con quello che stiamo già vivendo”.

Articolo pubblicato originariamente su Al-Jazeera e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

http://www.bocchescucite.org/a-gaza-un-nuovo-anno-porta-la-stessa-dura-realta/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria