giovedì, Dicembre 1, 2022

Dietro le parole. Chiesa-comunione e laicità del mondo (Marcelo Barros)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

In Brasile, da oltre 40 anni, Dietro le parole è il titolo del mensile del Centro di Studi Biblici (CEBI) e indica un metodo di ricerca biblica: cercare di capire cosa c’è dietro le parole della Bibbia. Questa attenzione può essere applicata non solo ai testi biblici, ma anche a una corretta comprensione dei fatti della vita.

In questi giorni, anche in Brasile ci giunge notizia che a Verona il vescovo dimissionario si è manifestato pubblicamente al secondo turno delle elezioni comunali chiedendo al clero e ai fedeli di votare per la destra. Grazie a Dio, Marco Campedelli, caro fratello e amico, a cui sono legato da più di 30 anni di amicizia (era il 1988 quando ci siamo incontrati), si è manifestato profeticamente e per questo è stato punito in modo strano. Il vescovo gli impedisce di insegnare religione in una scuola pubblica.

Tra noi è circolata un’immagine in cui il vescovo rispondeva a una domanda spiegando che il sacerdote non poteva insegnare religione nella scuola pubblica, perché non è in comunione con lui. Una strana nozione di comunione, intesa come sottomissione acritica e unilaterale che rivela al mondo quello che papa Francesco chiama chiaramente “clericalismo”. Il vescovo insiste in un rapporto che consiste nell’antisinodalità, opposta al modello di Chiesa che il papa propone e spiega come “camminare insieme”.

Tuttavia, c’è molto di più dietro a questa storia. Per chi non si trova in Italia, è difficile capire come, in pieno XXI secolo, un Paese come l’Italia possa mantenere per legge il potere dei vescovi cattolici di nominare e revocare gli insegnanti di religione nelle scuole pubbliche, come se le altre religioni non avessero lo stesso diritto di esistenza e la scuola potesse rinunciare al suo carattere di preparazione a una convivenza pluralistica e rispettosa.

Anche da lontano, sono solidale con l’amico Marco Campedelli per l’ingiustizia subita, per il dolore di vedere negata la via del dialogo proprio nella Chiesa che ama e che ha servito per tanti anni. Tuttavia, Dio conceda che questo suo gesto di libertà interiore e di veridicità profetica possa rivelare alla gerarchia della Chiesa l’urgenza di riprendere il dialogo fraterno e amorevole con l’umanità laica sul modello di quello iniziato da papa Giovanni XXIII 60 anni fa.

Che vescovi, preti e laici, donne e uomini, accolgano più profondamente e con più sincerità la proposta di sinodalità avanzata da papa Francesco.

Che la scuola pubblica diventi davvero uno spazio di dialogo e di convivenza pluralistica che prepari i giovani a un mondo di pace, giustizia e comunione con l’universo.

Le ultime parole del mio vescovo, che è stato il mio Maestro, dom Hélder Câmara, mentre se ne stava per andare verso l’Infinito, sono state «Non lasciare mai cadere la profezia». Ora io queste parole le dico a tutte e tutti voi: «Non lasciate cadere la profezia». Non sono solo i grandi eventi a cambiare la storia ma i piccoli atti di “disobbedienza evangelica” che fanno deragliare il treno tronfio del potere. Inutile scrivere pagine sui grandi sistemi, ma solo teoriche, accademiche; inutile insegnare dalle nostre cattedre teologiche il valore dalla coscienza e della libertà, se poi quando ci viene fatto un abuso di potere, chiniamo la testa e baciamo l’anello.

Io vengo da questa terra dei grandi sogni, che è l’America Latina. Noi abbiamo subìto un sistematico abuso di potere quando hanno voluto cancellare la nostra storia, e hanno scritto la “Scoperta dell’America” e non la vergognosa e sanguinosa “Conquista dell’America”. Ogni “piccolo” abuso di potere è da denunciare, soprattutto quando lo fa chi dovrebbe avere, come la Chiesa, il Vangelo come unico imperativo morale.

Sogno una Chiesa che riconosca a tutti la stessa dignità, che abbatta i muri tra “clero e laici” tra “uomini e donne” tra “ricchi e poveri”.

Sogno una Chiesa che vada a scuola di laicità dal suo maestro Gesù di Nazareth laico e non chierico.

Sogno una Chiesa che danza come danza il mio popolo brasiliano.

E danzando dice che anche Dio danza.

Perché Lui sì “è in comunione” con la gente, con l’universo e sogna, per tutti noi, un mondo felice.

Marcelo Barros, Adista.it, 15/07/2022

Marcelo Barros è ecoteologo, biblista e saggista brasiliano, tra i più stimati a livello globale, Marcelo Barros è stato collaboratore di dom Hélder Câmara. Animatore delle Comunità ecclesiali di Base e membro dell’Associazione Ecumenica dei Teologi del Terzo Mondo (Asett). 

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria