giovedì, Agosto 18, 2022

Gaza è sotto assedio da 15 anni. Non può andare avanti (Yasser Khatib)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Questo mese segnerà 15 anni da quando lo Stato di Israele ha imposto un assedio alla Striscia di Gaza. Visito la Striscia circa una volta ogni due mesi come parte delle delegazioni mediche inviate da Physicians for Human Rights – l’unica organizzazione israeliana ai cui membri è stato permesso di entrare a Gaza da quando è iniziata la politica israeliana di strangolamento. Ogni volta che ci vado, scopro qualcosa di nuovo.

Non mi sono ancora abituato alla vista che ti accoglie quando entri: un numero enorme di edifici e case stipate insieme, gran parte delle quali sono fatiscenti e danneggiate . Non ci sono passaggi, non ci sono regole del traffico e le persone sono ovunque. Non c’è presenza della natura.

È solo nel nord dell’enclave che è un po’ verde, ma nelle città stesse è solo grigio. Né ci sono autobus. Ci sono automobili e molti carri con asini e cavalli, un mezzo di trasporto comune che costa pochi centesimi. Sono stato nei campi profughi in Cisgiordania. Ho visto cose difficili, ma a Gaza è diverso.

Inizio sempre conversazioni con persone a Gaza. La maggior parte di loro è felice di vedere qualcuno dall’esterno. Mi chiedono da dove vengo, e io dico Haifa, e loro rispondono: “Sono stato ad Haifa. Ho lavorato lì”, o “Una volta, quando il confine era aperto, ho trascorso del tempo a Jaffa”.

Gran parte di loro sono profughi, originari di Acri, Jaffa o dei villaggi qui in Israele. Si capisce che in realtà sono lo stesso gruppo, le stesse persone, che sono parte integrante del paese.

Vedo i pazienti e l’incontro con loro spinge a tornare alla medicina di base che ho studiato. Durante la mia ultima visita, per esempio, una donna anziana è venuta da me e mi ha detto: “Sono così felice che sia venuto dal nord, dottore. Mi dà forza. Finalmente qualcuno viene a trovarci».

Ed ero felice. L’ho visitata e poi le ho detto: “Hai bisogno di una ginocchiera per la gamba e di un antidolorifico. Ti darò una ricetta. Mi guardò stupita : “Non ho soldi per comprare il pane. Come posso acquistare una ginocchiera? E un antidolorifico?”

Cosa avrei dovuto dirle? Lei ha ragione. Ecco perché è impossibile venire a Gaza e occuparsi solo della questione medica. C’è un modo di vivere diverso, impossibile. E questo determina tutto. Si deve fare i conti con la situazione umanitaria e politica.

Una volta sono stato invitato a consigliare un ortopedico pediatrico locale – forse l’unico a Gaza – insieme a un folto gruppo di suoi studenti, allo Shifa Hospital. Gli studenti mi hanno presentato casi molto complicati per la discussione. A Gaza ci sono un gran numero di anomalie alla nascita tra i bambini, cose che non avevo mai visto prima. E dopo che ogni caso è stato presentato, tutti hanno aspettato di sentire quello che avevo da dire. Mi vedevano come una specie di grande esperto che veniva dall’esterno per fornire soluzioni. Ma non avevo soluzioni. Perché cosa si può fare senza i mezzi necessari?

Uno dei problemi principali, dal punto di vista medico, è che Israele ha impedito ai medici di lasciare Gaza. Nessuno dei dottori che ho incontrato, né degli studenti, aveva mai lasciato Gaza. Non ottengono visti di uscita e quindi non hanno l’opportunità di fare formazione continua, quindi le loro conoscenze professionali sono limitate.

Ma sono eroi. Fanno ciò che è possibile e necessario con i pochissimi mezzi a loro disposizione.

In generale, i giovani di Gaza non hanno familiarità con nessun altro. Hanno un concetto diverso di distanza. La Striscia di Gaza è lunga 48 chilometri (30 miglia), una distanza che percorro ogni giorno in macchina. Ma per loro è il mondo. È difficile capirlo. Non hanno mai lasciato la Striscia.

Ogni volta che entro a Gaza – e ci sono stato innumerevoli volte – incontro almeno cinque casi di pazienti che necessitano urgentemente di cure ospedaliere a Gerusalemme est o in Egitto o in Israele. Questi sono casi che non possono essere trattati a Gaza, ed è una questione di vita o di morte . Una questione di tempo.

Eppure, il permesso di partire non è imminente. I pazienti non permettono facilmente di andare negli ospedali palestinesi a Gerusalemme est, che è un loro diritto naturale, e l’Egitto è generalmente troppo costoso e troppo lontano, e le persone non hanno soldi, se effettivamente ottengono il permesso.

Ricordo un bambino che aveva urgente bisogno di un intervento chirurgico. L’ho incontrato ed è stato subito chiaro che la sua operazione non poteva essere eseguita a Gaza. I suoi genitori ci hanno provato ,ma non hanno ottenuto il permesso da Israele. Anche se riescono a ottenere il permesso, non possono permettersi di andare perché nessuno pagherà le cure. Ecco perché l’Egitto non è un’opzione.

Rimasi lì impotente di fronte a questo bambino. Non sapevo cosa dire ai genitori. Ti guardano e si aspettano che tu li aiuti, ma non c’è modo di farlo.

In termini di cure mediche, la società di Gaza sta pagando un prezzo terribile. La situazione è un sottoprodotto dell’assedio israeliano alla Striscia. Come mai? Perché sotto assedio un’economia crolla, e poi tutto crolla: il sistema sanitario e la società stessa.

Molte persone non capiscono che l’assedio è diretto contro i civili. La disoccupazione è alle stelle. Non ci sono lavori. Gaza è stata separata dal paese di cui fa parte. È così da 15 anni.

Da un lato, è sorprendente vedere come, nonostante la povertà, nonostante il reddito medio giornaliero di chi lavora sia di 8 shekel (2,30 dollari), la gente di Gaza sembri felice, più che altrove . Non ho visto violenza o aggressione tra le persone lì. Dici a te stesso: i soldi non sono tutto nella vita.

È stimolante. Quando torno a casa da Gaza, la mia prima domanda è sempre: quando tornerò? È una specie di missione per me andare a Gaza, incontrare persone, trattarle, sostenerle e incoraggiarle. Qualcosa mi attira lì e non rinuncerei a una sola visita.

Dopo le mie numerose visite, sono giunto a un’opinione inequivocabile: dobbiamo porre fine all’assedio. Dobbiamo impegnarci nel dialogo necessario con le autorità locali e trovare una soluzione. In ultima analisi, le persone stanno soffrendo in questa situazione. Israele ha imposto un assedio alla Striscia di Gaza negli ultimi 15 anni, con conseguenze devastanti sulla vita e sulla salute dei suoi abitanti.

Non dobbiamo accettare di inquadrare la discussione su Gaza in termini di sicurezza, privi di un contesto storico, che orienta verso soluzioni umanitarie a una crisi che è prima di tutto politica. Nella nostra fede e nella missione dei membri delle professioni sanitarie, respingiamo una realtà in cui le vite sono classificate o come “noi”, per i quali facciamo tutto il possibile per salvare vite, e “loro”, le cui vite sono sempre ” contingente.”

Yasser Khatib

*Il Dr. Khatib è un ortopedico pediatrico che fa volontariato con Physicians for Human Rights.

Articolo pubblicato originariamente su Haaretz e tradotto dall’inglese da parte di Frammenti Vocali

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria