venerdì, Luglio 1, 2022

17 palestinesi sono stati uccisi nelle ultime due settimane. Non è terrorismo? (Gideon Levy)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Abdul Karim Saadi ci stava aspettando al nostro solito luogo di incontro, nel cortile di una fabbrica di pellame fuori Tulkarem, un luogo sempre impestato dalla puzza delle carcasse. Saadi entrò in macchina tutto agitato, la voce soffocata e il mento tremante, cercando invano di trattenere le lacrime. Saadi era sconvolto da ciò a cui aveva assistito nel campo profughi di Jenin. “Stanno spingendo l’intero campo tra le braccia dei terroristi”, ha detto il pacato investigatore veterano di B’Tselem con voce rotta. Lavora in questo settore e ha visto tutto.

È successo la scorsa settimana, pochi giorni dopo l’attacco terroristico a Dizengoff Street a Tel Aviv, nel bel mezzo della vasta e sciocca caccia all’uomo nei confronti del padre dell’aggressore, Raad Hazem. Il padre in lutto, Fathi, ha infastidito le forze di sicurezza con le sue vanterie riguardo all’imminente vittoria palestinese, portandole a dargli la caccia insieme ai suoi figli ancora in vita.

“La vostra generazione sarà testimone della vittoria”, disse il padre ai giovani ed entusiasti amici del figlio, che si erano radunati sotto il balcone di casa sua. Lo Shin Bet e l’IDF non amano i palestinesi che parlano in quel modo. Ai palestinesi è permesso solo chinare il capo e umiliarsi o rimanere in silenzio. Solo noi possiamo minacciare e vantarci.

I nostri genitori in lutto, ovviamente, possono dire tutto ciò che provano nel loro dolore, sfogarsi e inveire, ma i genitori in lutto dei palestinesi non possono nemmeno essere chiamati così, per timore che gli sia concesso qualche accenno di umanità. Ovviamente, non possono parlare con la commozione e la rabbia del dolore. In risposta, i soldati hanno sparato contro un’auto che sospettavano stesse trasportando il fratello dell’aggressore. “Ci sono stati progressi e l’inseguimento continua”, disse il portavoce dell’esercito incoraggiando gli israeliani che stavano aspettando la morte del padre dell’uomo. La caccia all’uomo è servita solo ad alimentare ulteriormente le fiamme nel campo profughi di Jenin. Il padre in lutto non è stato ancora arrestato, un vero fallimento della sicurezza, ma si può fare affidamento sullo Shin Bet e l’IDF per non lasciarlo al suo dolore, usando tutto il potere che possono esercitare fino a quando non viene arrestato per istigazione, o forse eliminato.

Le prime due settimane di aprile hanno visto 20 morti, tre israeliani a Dizengoff e 17 palestinesi in tutta la Cisgiordania e ad Ashkelon. Tutto questo ha fatto seguito all’ondata di attacchi del mese scorso, in cui sono stati uccisi 11 israeliani e 11 palestinesi.

In un’atmosfera di attacchi terroristici, le ultime restrizioni che trattengono l’esercito vengono rimosse. Non si sono risparmiati. Il bilancio includeva un ragazzo di 17 anni a Kafr Dan; un avvocato di 34 anni all’ingresso dell’Università di Tulkarem; un ragazzo di 14 anni a Husan, due giorni dopo aver ucciso una vedova semicieca con sei figli nello stesso villaggio. Diciassette palestinesi morti in due settimane, tutti si diceva fossero terroristi ma la maggior parte di loro non meritava la morte.

I media hanno riportato solo brevemente, se non del tutto, e sempre con i ricami delle informazioni in stile propaganda dettate dai servizi di sicurezza, almeno alcune delle quali consistono in bugie, bugie convenienti per le orecchie di ogni israeliano. La vedova cieca stava cercando di accoltellare qualcuno e, maledizione, quando non le è stato trovato nessun coltello, nemmeno una fionda, la spiegazione è stata che potrebbe aver cercato di suicidarsi. L’avvocato che accompagnava il nipote a scuola aveva partecipato a scontri; il ragazzo morto aveva lanciato una bottiglia incendiaria; anche il giovane paralizzato e malato di cancro che a malapena riesce a stare in piedi è stato arrestato dai soldati, dopo aver presumibilmente lanciato pietre letali con le sue esili braccia, che riescono a malapena a sollevare una scarpa. Gli israeliani hanno creduto a tutto questo senza porsi alcun dubbio, forse con entusiasmo, dal momento che tutto è permesso quando si tratta di vite palestinesi.

Ogni morte del genere significa lutto per una famiglia e, in molti casi, anche la fine della sua ultima fonte di sostentamento. Il loro caro è stato ucciso, indipendentemente dalle circostanze? I permessi di lavoro in Israele vengono revocati per molti anni, per difendersi da possibili vendette. Una disgrazia non basta, meglio due.

Come nella tortura dell’acqua cinese, tutte le persone uccise invano gocciolano lentamente, fino al prossimo attacco, dove ancora una volta si dimostrerà che gli assassini sono i palestinesi. Ogni giorno o due, una o due nuove morti, finché gli israeliani saranno di nuovo le vittime, le uniche, con gli occhi del mondo rivolti a loro. Diciassette morti in 15 giorni. Una piccola Bucha senza guerra. Un imponente attacco che non è classificato come terrorismo.

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato pubblicato da Verso.

Di Gideon Levy – 17 aprile 2022

https://archive.ph/LZVIt

(Tradotto da Beniamino Benjio Rocchetto)

Articolo pubblicato originariamente da Haaretz

 

http://www.bocchescucite.org/gideon-levy-17-palestinesi-sono-stati-uccisi-nelle-ultime-due-settimane-non-e-terrorismo/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria