lunedì, Aprile 15, 2024

Niger, qui non ci vacciniamo contro il Covid perché siamo distratti da cose più importanti (don Mauro Armanino)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Qui non ci vacciniamo contro il Covid perché siamo distratti da cose più importanti. Per fortuna che, mancando i vaccini, ce la caviamo egregiamente e nel caso ci ammalassimo, daremmo la priorità ad altre malattie. Quella della fame, che è di gran lunga la più pericolosa e segue a ruota la malaria o paludismo, poi la meningite (ciclica), il colera, per via dell’acqua che ci arriva in casa con i bidoncini gialli, le epatiti e , naturalmente, l’insicurezza dovuta agli attacchi dei Gruppi Armati Terroristi.

Se, in ultimo, la malattia tanto propagandata dall’Occidente dovesse arrivare, la curiamo con le medicine esistenti che qui funzionano per grazia ricevuta e scelta intelligente dei malati. Da noi la maggior parte delle nascite avviene per un felice momento di distrazione vissuto insieme e così pure si muore, senza in fondo darci troppo peso, per un’ultima e fatale distrazione. La sabbia stessa, vero paradigma della realtà ambiente, si adagia distrattamente sulle strade, i cortili, le offerte di lavoro, l’opposizione inesistente e financo sulle preghiere che stentano ad innalzarsi, attaccate come sono alla sabbia che, a modo suo, rende gloria al suo inventore.

Una mandria di buoi attraversa distrattamente la strada e altrettanto fanno gli asini che, coi carretti pieni di immondizie, giocano un ruolo ecologico di primo piano nella città di Niamey. Non sono da meno i dromedari che attraversano le rotonde della città con la stessa disinvoltura con la quale passerebbero le dune del Sahara. Sono distratti i motociclisti che, mentre guidano, rispondono alla chiamata del cellulare e dimenticano il casco, la patente di guida e soprattutto non hanno rinnovato l’assicurazione. Evitano pertanto le zone dove sanno di trovare i vigili assetati di verbali o fittizi arrangiamenti monetari specie sotto le feste. Occasionalmente passano cavalli al trotto, alcuni cani che si piazzano non lontano dai venditori di spiedini e che fingono di dormire tra un cliente e l’altro e i camion dei militari che vanno al fronte. L’ambulanza si sente da lontano e nessuno si muove per distrazione finché il suono della sirena non si farà assordante e inevitabile. Persino la democrazia del Paese, sconcertata dalle elezioni e dalle inutili promesse presidenziali, si è fatta da parte e attende distrattamente tempi migliori che forse verranno un giorno.

Per distrazione si migra su strade sbagliate e si prendono cammini imprevisti che, dopo un lungo viaggio, portano là dove si era partiti un giorno. Si tradisce per una lieve distrazione di un momento e ci si scusa prima di ricominciare. Ancora recentemente i responsabili religiosi musulmani della capitale affermavano con tristezza che solo il venti per cento dei matrimoni, celebrati con fasto in città, reggono oltre i tre mesi. A chi imputare questa erosione matrimoniale se non a momenti di distrazione che hanno accompagnato il prima, durante e il dopo del matrimonio.

I risultati degli esami finali della scuola primaria e secondaria del Paese sono stati uno sfacelo mai registrato prima: a chi se non alla distrazione addebitare l’incredibile disfatta? All’università statale gli anni accademici sono senza fine e per lo stesso motivo, la distrazione, gli intellettuali organici si sono accontentati di diventare Consiglieri della Presidenza della Repubblica o Incaricati di Missioni di cui nessuno conosce la destinazione e l’obiettivo. Solo per distrazione le Agenzie Umanitarie operano sul terreno per decenni e fanno in modo che i poveri rimangano tali. E’ proprio grazie alla distrazione, infine, che si resiste alla tentazione di credersi i padroni del mondo e della storia.

Mauro Armanino, Il Fatto Quotidiano, 5 settembre 2021

don Mauro Armanino

Missionario, dottore in antropologia culturale ed etnologia

Nato a Chiavari nel 1952. Già operaio e sindacalista della FLM a Casarza Ligure. Volontario in Costa d’Avorio, sostitutivo del servizio militare. Poi ordinato prete missionario presso la Società delle Missioni Africane di Genova. Sono stato cappellano dei giovani in Costa d’Avorio fino al 1990. Dopo alcuni anni a Cordoba in Argentina sono partito in Liberia per sette anni. Ho conosciuto la guerra e i campi di rifugiati. Al ritorno da questa esperienza sono rimasto in centro storico a Genova coi migranti e ho operato come volontario nel carcere di Marassi per gli stranieri di origine africana. Da oltre otto anni mi trovo nel Niger per un servizio ai migranti e nella formazione. Sono stati pubblicati alcuni miei libri dalla EMI, l’editrice missionaria (Isabelle5 nomi per dire LiberiaLa storia si fa coi piedi). Con l’editrice Gammarò di Sestri Levante è uscito il libro-tesi La storia perduta e ritrovata dei migranti, per Hermatena (Bologna) ho pubblicato La nave di sabbia. Migranti, pirati e cercatori nel SahelNomi di vento, La città sommersa. Il mondo altro dei migranti del mareL’arcaperduta del Mediterraneo. Prove di naufragio di una civiltà; L’arcaperduta del Mediterraneo. Prove di naufragio di una civiltà, sempre con Hermatena di Bologna.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/09/05/niger-qui-non-ci-vacciniamo-contro-il-covid-perche-siamo-distratti-da-cose-piu-importanti/6310779/

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

Dalla stessa categoria