domenica, Febbraio 25, 2024

Ordinazione di uomini sposati: una soluzione che si collega con la Chiesa primitiva (José Manuel Vidal)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

“Evangelizzare non è colonizzare”. Le parole del papa sono risuonate alte e chiare in una piazza san Pietro piena di vescovi e di fedeli da ogni parte, ma specialmente dal polmone del mondo. Dall’Amazzonia minacciata dal fuoco e dallo sfruttamento di Bolsonaro e dei suoi. Ed un altro chiaro messaggio all’interno, alle sue fila, riluttanti di fronte ai frutti innovativi e creativi che può apportare il Sinodo dell’Amazzonia: «Se mettiamo noi al centro e non la missione, non siamo più pastori e ci trasformiamo in funzionari». Un nuovo colpo al clericalismo da parte del papa. Il Francesco che non vuole poveri, ma che ama i poveri. Il Francesco che desidera una Chiesa povera perché in essa possano entrare i poveri, sa che, per realizzarlo, deve farla finita o almeno intaccare il potere della casta clericale.

Questa rivoluzione vuole farla non occupando spazi, ma generando processi, in una primavera promossa dal basso, ma richiesta ed assunta a partire dalle basi. Questo è ciò che Francesco chiama sinodalità: che siano le Chiese a chiedere a Roma quello di cui hanno bisogno. Nell’Amazzonia moltissime comunità non possono celebrare l’Eucaristia (il centro della vita cristiana) per mancanza di preti. E, se non ci sono preti a causa del celibato obbligatorio, che queste chiese chiedano il celibato opzionale e l’accesso della donna all’altare.

Le Chiese dell’Amazzonia, che hanno preso sul serio la sinodalità, hanno presentato le loro proposte a Roma in un Instrumentum laboris che ora sarà discusso. Dopo il papa avrà l’ultima parola. Ma, se Francesco crede e promuove la sinodalità, la cosa più logica è che benedica le petizioni della Chiesa sinodale.

Tra le petizioni della base, due essenziali. La prima, salvare la casa comune. Cioè, difesa di un’ecologia integrale e sostenibile che salvi l’Amazzonia, i suoi popoli e le sue culture, così diverse, perché il fuoco vorace del mercato non finisca col ridurre in cenere foreste e persone.

La seconda petizione: che si forniscano gli strumenti perché le persone, anche le comunità più remote, possano celebrare la loro fede. Un cambiamento nei ministeri ordinati. Che lì dove non arrivano i preti, perché sono pochi a causa del celibato obbligatorio, si elimini quest’obbligatorietà e si ordinino presbiteri celibi o sposati, a seconda della loro scelta.

Inoltre, che si cambi la concezione del ministero presbiterale e che siano le stesse comunità ecclesiali (ad immagine e somiglianza della Chiesa primitiva) a scegliere come propri preti coloro che credono più preparati per questo servizio. Sposati o celibi. Uomini o donne. Ministri/e che servono la comunità e non se ne servono. Sarebbe la fine della casta clericale e questo non sopportano i chierici più rigoristi. Per questo sono furibondi e gridano all’eresia ed allo scisma. Ma lo Spirito e la Storia vanno sempre avanti.

 

Articolo pubblicato il 7.10.2019 in Religión Digital (www.religiondigital.com )

Traduzione a cura di Lorenzo TOMMASELLI

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria