domenica, Maggio 22, 2022

Salvini si informi: la Diocesi di Torino supporta già migliaia di italiani

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Negli anni di crisi, il numero di nuclei familiari assistiti a Torino dai Centri di Ascolto Diocesano e dalla Caritas è cresciuto del 47,6% (fonte: Rapporto Rota). Il Ministro dell’Interno ha dimostrato di non aver approfondito il tema.

Il Ministro dell’Interno dimostrato di essere poco aggiornato e informato. Le sue parole a commento della disponibilità dell’Arcivescovo di Torino, Sua Eccellenza Cesare Nosiglia, ad accogliere i 43 migranti da giorni a bordo della Sea-Watch sono sbagliate da tutti i punti di vista.

Sono sbagliate nel merito, perché da sempre la Diocesi della nostra città si occupa delle persone in difficoltà e in stato di bisogno, italiani compresi.

Sono sbagliate nei tempi e nei modi, perché per fare del bene la Diocesi non ha bisogno dell’imbeccata di nessuno, tantomeno ora (è appena giunta la notizia che la Sea-Watch ha forzato il blocco ed è entrata in acque territoriali italiane).

Sono sbagliate vista la carica istituzionale ricoperta da chi le pronuncia, dal momento che non spetta certo a Salvini insegnare al nostro Arcivescovo quale sia la maniera migliore per fare del bene al prossimo.

Sono perplesso e preoccupato. Il Ministro dell’Interno forse non è informato della grande, storica e preziosa opera di carità portata avanti dalla Diocesi della nostra città e dalla Caritas.

Le persone che ricevono supporto e aiuto dalle strutture della Diocesi sono migliaia. Tra 2008 e 2015, anni di crisi economica, le persone assistite dalla Diocesi e dalla Caritas sono aumentate di quasi il 50%. Centinaia sono le persone che usufruiscono quotidianamente di un posto letto o di un piatto caldo forniti dalla Diocesi. Molti altri ricevono sussidi e aiuti in altre forme. E la metà circa di queste persone sono italiani.

 

(fonte: Corriere della Sera)

www.silviomagliano.it

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria