Free Porn
lunedì, Maggio 27, 2024

Lo studio del Talmud (Moni Ovadia)

Don Paolo Zambaldi
Don Paolo Zambaldi
Cappellano nelle parrocchie di Visitazione, Regina Pacis, Tre Santi e Sacra Famiglia (Bolzano).

Gli ebrei ricevono con la rivelazione due «Bibbie»: la Torah she biktav e la Torah she bealpeh, ovvero la Torah che è scritta e la Torah che è «sulla bocca».

Quest’ultima è raccolta nel Talmud, libro non libro, risultato di secoli di discussioni di centinaia di maestri che contiene tutti i pareri, quelli prevalsi come quelli emersi nel corso delle controversie.

Il Talmud è verosimilmente l’unico libro sacro che accetti la propria rimessa in discussione, anzi, che la solleciti caldamente.

Il Talmud è il risultato del genio dialettico ed ermeneutico ebraico, «risposta» dell’uomo alla parola divina dello scritto.

Lo studio del Talmud deve essere polemico e ha bisogno del confronto: ragion per cui non è uno studio solitario, ma necessita di almeno due persone che, con assillo, si critichino per dinamizzare il pensiero, per impedire che la sclerosi li irrigidisca. (…)

Il Talmud ci insegna a non aver fretta di saltare alle conclusioni.

I precetti sono santi e rispettarli è cosa santa, ma anch’essi corrono il rischio di divenire idoli dietro cui celare la pigrizia del proprio pensiero.


Moni Ovadia, L’ebreo che ride, Torino, 1998.

Supporta Don Paolo Zambaldi con una donazione con PayPal.

Ultimi post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dalla stessa categoria